DC Comics

BLUE BEETLE – IL REGISTA PARLA DEL FILM E DEL FUTURO DEL PERSONAGGIO NEL DCU! (2023)

E’ da poco uscito in tutte le sale Blue Beetle, il nuovo film della DC che racconta le vicende di Jaime Reyes e della sua famiglia. Nonostante il film faccia ufficialmente parte del DCEU, il personaggio sarà all’interno del DCU, il nuovo universo cinematografico della DC, creato e gestito da James Gunn e Peter Safran.

In questo articolo, parleremo del regista del film, Angel Manuel Soto, e della sua recente intervista a Discussing Film, riguardo al film e al futuro di Blue Beetle nel DCU

Blue Beetle

BLUE BEETLE BATALLION

La prima domanda che è stata posta al regista, è se conosce il movimento “Blue Beetle Batallion”, ovvero dei gruppi di fan che stanno sostenedo il film, e il regista ha confermato di conoscere di questa iniziativa:

Li conosco! Mi sono stati segnalati un po’ di tempo fa. Questo tipo di energia è quello che vorrei che ogni film avesse. Amo il cinema e amo quando le persone si riuniscono per sostenersi a vicenda, per sostenere i fan o per sostenere gli attori e i creativi. Vedere questo gruppo di persone che nemmeno conosco mostrare così tanto amore mi dà un po’ di speranza sull’umanità.


È molto umiliante sapere che questa storia è attesa da molte persone che fanno il tifo per il film anche se non l’hanno ancora visto. Non riesco a crederci. È la mia prima esperienza in questo senso. Spero solo che altri narratori e registi possano fare questa esperienza perché è molto, molto bella.

Angel Manuel Soto

L’IMPORTANZA DELLA FAMIGLIA IN BLUE BEETLE

Continuando l’intervista, hanno parlato della famiglia di Blue Beetle e di come sia fondamentale per il personaggio e di come ogni membro ha una propria caratteristica, e questa è una particolarità del film molto importante, poiché in molti film si tende a stereotipare le famiglie latinos:

La nostra energia è stata quella di cercare di essere il più onesti e autentici possibile rispetto alle nostre esperienze. Sappiamo che ci sono stati molti tentativi e che ci sono stati anche, come dice lei, molti stereotipi. La maggior parte di essi si verificano davvero perché non ci sono latini dietro la creazione di questi mondi. Siamo stati fortunati ad avere Gareth Dunnet-Alcocer che ha scritto la sceneggiatura. Lui viene da Queretaro, in Messico, e la dinamica della famiglia Reyes sullo schermo è un’esperienza che gli sta molto a cuore.

Anche il personaggio di Rudy Reyes, che non è presente nei fumetti, è ispirato al 100% a suo zio che si chiama Rudy, scomparso l’anno scorso, ed è stato creato per onorare lui e l’impatto sulla vita di Gareth attraverso questo film.

Tutto ciò che vedete, ogni esperienza sullo schermo è qualcosa che ci sta molto a cuore. Anche altre situazioni che accadono nel film sono esperienze che ho vissuto nella mia vita. Poiché Gareth viene dal Messico e io da Porto Rico, siamo stati in grado di intersecare quelle esperienze e di trovare motivi e basi comuni. Abbiamo scoperto che la nostra esperienza latina collettiva trascende i confini, le frontiere e i Paesi. Si tratta quindi di riuscire a trovare ciò che ci rende latini.

Il film non è come la totalità dell’esperienza latinoamericana, non lo è. È una finestra sul nostro mondo, sulle nostre famiglie, con l’idea di poter continuare a raccontare altre storie delle diverse finestre che compongono questa grande razza latinoamericana.

Angel Manuel Soto

I MOMENTI EROICI DELLA FAMIGLIA REYES

Continuando a parlare della famiglia di Blue Beetle, è stato chiesto al regista quanto è stato importante aggiungere dei momenti eroici per ogni membro della famiglia:

Volevamo esplorare l’idea di come, noi latini, le nostre madri ci stiano sempre addosso. È davvero difficile nascondere un segreto alla mamma. Ci siamo quindi detti: “Se non puoi nascondere un segreto alla tua famiglia, perché non lo usi a tuo vantaggio?”.

Ecco perché abbiamo scelto di includere la famiglia di Jaime nella sua trasformazione eroica. Anche quando Jaime ha il costume ed è un supereroe, la famiglia continua a rompergli le scatole! E questo tipo di bullismo familiare e questo tipo di rapporto era qualcosa che volevamo onorare. Inoltre, volevamo assicurarci che la famiglia Reyes non fosse un oggetto di scena, che non fosse un’esca, che non fosse una cosa che il cattivo afferra e minaccia Jaime. No!

Angel Manuel Soto

L’ASSISTENTE VOCALE DEL COSTUME DI BLUE BEETLE

Passando oltre, hanno parlato del costume del personaggio, in particolare dell’assistente vocale presente dentro il costume, doppiata dalla cantante Becky G e se la sua voce è stata modificata con l’AI:

La voce è ancora molto A.I. e ha un’atmosfera da sistema operativo, ma man mano che la storia va avanti è come un apprendimento automatico, Jaime stesso continua a entrare nel codice. In questo modo, l’abito inizia ad assumere una maggiore personalità.

In definitiva, nelle iterazioni future, il nostro obiettivo sarebbe quello di apprezzare davvero come saranno le battute tra Jaime e Khaji Da una volta che la donna sarà più a suo agio con il modo in cui la gente parla al giorno d’oggi. Ma sempre mantenendo quell’energia androide, quella verbosità analitica di tipo militare. Anche Becky l’ha capito. Si è divertita molto a registrare la voce ed è stata una vera professionista. Ha trovato un sacco di modi per rendere tutto divertente.

Angel Manuel Soto

LE MUSICHE DEL FILM

Continuando a parlare del film, il regista ha parlato delle musiche presenti nel film, dichiarando di aver usato canzoni reggeaton e pezzi di canzoni rock spagnole:

Nel film usiamo Calle 13, Soda Stereo, Vicente Fernandez e Ivy Queen, ovviamente. Ma abbiamo anche persone più recenti come Alvaro Díaz.

Ci sono anche classici come Mötley Crüe e Cypress Hill! Questa è la colonna sonora della mia infanzia. È la colonna sonora della mia vita. Per me era molto importante che, così come ci sono gli easter egg dei film che ci hanno formato, anche in Blue Beetle potessimo rendere omaggio alla musica che ci ha formato.

Angel Manuel Soto

I POTERI DI BLUE BEETLE

Dopo aver parlato delle musiche, il regista e l’intervistatore hanno iniziato a parlare dei poteri di Blue Beetle e di come si sono divertiti nel creare le varie armi nel film:

Abbiamo usato molti riferimenti come i film di The Raid e Gangs of London per i combattimenti corpo a corpo, che Jon Valera, il nostro coordinatore degli stunt, guida molto bene. Siamo riusciti a realizzare qualcosa che rappresentasse quel tipo di intimità da carne a carne che può esistere nella violenza. Ma, allo stesso tempo, giochiamo con diverse alternative fantastiche e con la realizzazione dei desideri di un giovane uomo. Ad esempio, molte delle combo di Injustice 2 sono state utilizzate come riferimento durante i combattimenti e con le manifestazioni delle armi. Il blaster di Blue Beetle è addirittura ispirato a Mega Man!

C’è una scena in cui Jaime dice: “Khaji, mostrami qualcosa”, e lui tira fuori una pistola che abbiamo scelto per assomigliare alla pistola ZF-1 de Il quinto elemento. E dice: “No Kahji, non uccidere!”. Poi ci giochiamo di nuovo verso la fine, quando Jaime dice: “Tutto quello che voglio? Ok!” e tira fuori la spada di Cloud [da Final Fantasy VII] Perché? Perché siamo giocatori! Ci siamo chiesti: “Wow, cosa vorrei creare?”. Ho sempre voluto avere una spada buster come quella di Final Fantasy. Poter giocare con questi riferimenti, compresi alcuni di Dragon Ball Z. Giocare con un sacco di altri riferimenti che non ho intenzione di rovinare: è stato super divertente. Mi sono sentito come se avessi di nuovo dodici anni!

Angel Manuel Soto

IL FUTURO DI BLUE BEETLE NEL DCU

Come ultima domanda al regista, gli è stato chiesto qual’è l’importanza di fare dei sequel del film nel nuovo universo:

Per me è molto importante perché, primo, abbiamo concepito Blue Beetle come il primo atto di una saga fin dall’inizio. La storia di Jaime Reyes… è solo l’inizio. Finora abbiamo conosciuto letteralmente solo 48 ore della vita di Jaime. All’inizio del film ci siamo presi il tempo necessario per introdurre il suo personaggio, la sua comunità, le cose che riguardano noi latini e gli emarginati. Ma una volta terminato il film, si realizza letteralmente il fatto che questo primo atto apre un mondo completamente nuovo, che Jaime dovrà affrontare a prescindere da tutto.

Jaime Reyes ha molte altre storie da raccontare. E non solo lui! Penso che Blue Beetle possa aprire le porte ad altri supereroi latini e di altre nazionalità per avere un ruolo più importante nel DCU. Ma, soprattutto, perché le storie latine siano raccontate dai latini.

Angel Manuel Soto

SEGUITECI ANCHE SUL NOSTRO PROFILO TWITTER, SU CUI PUBBLICHIAMO LE PIÙ IMPORTANTI NOTIZIE DEL MONDO NERD!


Voi cosa ne pensate? Vi è piaciuto il film?

Fonte: Discussing Film

mariomario34

Ciao mi chiamo Mario e sono fan dei cinecomic.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *