Marvel

Deadpool & Wolverine – Shawn Levy, Ryan Reynolds e Hugh Jackman parlano del nuovo film dei Marvel Studios! (2024)

Manca davvero poco al rilascio in tutte le sale cinematografiche diDeadpool & Wolverine, prossimo e unico film dei Marvel Studios in uscita quest’anno, che avrà come punto focale i due protagonisti della Marvel Comics, ma soprattutto il Multiverso.

In questo articolo parleremo di Shawn Levy, regista del film, Ryan Reynolds e Hugh Jackman, interpreti rispettivamente di Deadpool e Wolverine, che di recente sono stati intervistati da Vanity Fair.

Deadpool & Wolverine

La difficoltà nel creare una trama per “Deadpool & Wolverine”

Shawn Levy, Ryan Reynolds e gli sceneggiatori, hanno faticato per mesi nel creare una nuova storia di Deadpool, ma nulla stava andando come speravano. Amareggiati, i due si preparavano a lasciar perdere al progetto. Poi Hugh Jackman prese la decisione, dopo un’intensa discussione con sé stesso, che Logan doveva continuare la sua storia. E grazie a questa decisione, “Deadpool 3” è rimasto in vita, diventando “Deadpool & Wolverine”. Su questa vicenda, Ryan Reynolds ha voluto raccontare la sua esperienza:

Sentivo di doverne spiritualmente fare un altro film, ma cercare di capire quale sarebbe stato e come sarebbe stato realizzato ha richiesto un po’ di tempo. C’è un motivo se sono passati sei anni dall’ultimo film. Questi film inghiottono le vite. In un film normale, ti fai il culo. Ma in un film come questo si rinuncia a molte cose che forse si davano per scontate: dormire, vedere la propria famiglia, il mito del padre presente. Ci sono molti sacrifici. Voglio dire, questi sono tutti problemi dei quartieri alti. Ho un rapporto molto intenso con il personaggio e con il mondo che abita.

Shawn e io eravamo sul set di The Adam Project e io avevo già parlato con la Marvel qua e là, proponendo diverse idee, molte idee diverse. Era difficile trovare il mio posto nell’MCU. È stato difficile capire o trovare il mio posto, anche se ero incredibilmente riverente nei suoi confronti. E anche Deadpool è un suo grande fan. In definitiva, questo è parte di ciò che è diventato la storia.

Sapevamo di voler lavorare insieme il più possibile fino a quando non saremmo entrati in una scatola e ci saremmo trasformati in scheletri, ma non ero del tutto sicuro che sarebbe stato nello spazio Marvel perché non si tratta di una proprietà intellettuale originale. Abbiamo appena fatto due film originali che hanno funzionato. Quindi, se fossi stato uno scommettitore o avessi cercato di entrare nella testa di Shawn, avrei pensato: “No, probabilmente vuole fare solo film originali. Tecnicamente sarebbe un sequel, e la pressione che ne deriva è tanta”.

Subito dopo, Shawn Levy è intervenuto, rispondendo a come ha accettato il ruolo da regista del film, e raccontando la difficile lavorazione su una trama:

La mia risposta è stata praticamente un sì. Ma dovevamo trovare la storia giusta. E questo ha portato a una serie di mesi davvero interessanti in cui io e Ryan, insieme a Paul Wernick e Rhett Reese e a un altro scrittore di nome Zeb Wells, abbiamo elaborato idee per la storia e ci siamo incontrati un paio di volte a settimana con Kevin Feige e il team della Marvel.

Abbiamo francamente lottato per trovare una storia che sembrasse originale e non derivativa degli altri due film di Deadpool. Doveva essere degna del primo Deadpool che entra nell’MCU, ma doveva anche essere fondata sul fatto che si tratta di un franchise di supereroi realistico e grintoso. Abbiamo avuto degli scatti e degli inizi. Io e Ryan eravamo sul punto di dire a Kevin: “Sai una cosa? Forse non è il momento giusto perché non riusciamo a trovare una storia”. Ed è stato in quel momento che il telefono di Ryan ha squillato ed era Hugh Jackman che chiamava dalla sua auto. E lascerò che sia Hugh a raccontare questo capitolo della storia.

Ora è il turno di Hugh Jackman, interprete di Wolverine, a raccontare il suo coinvolgimento nel film e delle sue preoccupazioni nel tornare a rivestire i panni del personaggio:

Era il 15 agosto 2022. Stavo guidando all’inizio di una settimana di vacanza da Broadway. Il lavoro a Broadway era intenso: siamo stati lì nove mesi, sei giorni alla settimana. Quando si ha una settimana di pausa, c’è qualcosa di miracoloso e di liberatorio. Ero seduto su una spiaggia, senza preoccuparmi del mondo, e per qualche motivo mi è venuto in mente di fare qualcosa: “Cosa vuoi fare?” E le prime due cose non avevano nulla a che fare con il lavoro – poi, letteralmente, ho pensato: “Deadpool & Wolverine. Voglio fare quel film. Ecco cosa voglio”.

Poco dopo è arrivato un altro pensiero: “Ma hai già finito con Logan. Abbiamo bloccato l’atterraggio. Cosa penserà la gente?” E ho detto al mio cervello: Basta. È quello che volevo. Poi ho avuto un’ora e mezza per tornare a casa e ho pensato: “Devo chiamare Ryan”. Non sapevo a che punto fossero i lavori, ma ho pensato che forse stavano per iniziare le riprese.

Ho telefonato subito, perché per qualche motivo non posso aspettare 20 minuti. Normalmente 20 minuti non hanno importanza, ma stranamente l’hanno avuta. Ho detto: “Voglio fare questo film. Lo so nelle mie ossa. Lo so nelle mie viscere”. E Ryan ha detto: “Non riesco a credere al tempismo, perché stavamo per fare una riunione e non sono sicuro di come siamo messi”. Probabilmente dovreste riprendere da lì.

Ryan Reynolds ha ripreso il discorso, dichiarando che hanno subito contattato Kevin Feige, presidente dei Marvel Studios, riguardo al ritorno di Wolverine nel film:

In chiamata su Zoom con Kevin Feige, siamo andati subito al sodo. Abbiamo detto: “Sentite, è appena arrivata questa chiamata. Mi sembra che saremmo degli idioti a guardare in bocca questo cavallo di battaglia e a ignorarlo. È una possibilità su un miliardo. Sento che è proprio quello che stavamo cercando”.

Hugh Jackman ha poi concluso il discorso, condividendo il suo entusiasmo nell’interpretare un Logan differente dalla saga degli “X-Men” di 20th Century Fox:

Sapevo istintivamente che Deadpool ci avrebbe permesso di raggiungere un lato diverso del personaggio di Wolverine rispetto a quello che ho interpretato prima, in tutti i sensi, dalle emozioni, all’umorismo, al dialogo e all’azione. Tutto mi sembrava nuovo e fresco. E lo avrei condiviso con Ryan e Shawn, che sono due dei miei migliori amici. Noi tre insieme siamo come i Tre Amigos. Non c’è stato un giorno in cui non abbia pianto dalle risate. Mi sono sentito così ringiovanito nel recitare la parte. Voglio dire, sono 25 anni che lo faccio e mi sento meglio che mai.

Gli enormi pregi e difetti di Deadpool e Wolverine nel film

Continuando l’intervista, Ryan Reynolds ha spiegato l’idea di inserire Wolverine all’interno della pellicola, dichiarando che è stato un privilegio enorme e snervante:

Inizialmente avevamo un’idea molto libera di come riportare Wolverine in modi che non interagissero o interferissero necessariamente con Logan e la sua eredità. So che Kevin, come Shawn, io e Hugh, eravamo tutti molto preoccupati per questo. Dovevamo davvero proteggere questo aspetto e permetterci di raccontare la storia di Wolverine più intensa che potessimo mai immaginare, il che per noi è stato un privilegio enorme e snervante.

Angel Manuel Soto

Ha poi continuato Hugh Jackman, rivelando che aveva molte idee su come aggiungere Wolverine nel film:

Ho inviato una nota vocale estremamente lunga con idee per la storia, che poteva contenere circa 10 secondi di qualcosa di valido. Ma questi ragazzi hanno davvero fatto un grande lavoro.

Ryan Reynolds ha poi parlato della psicologia di Deadpool, raccontando che ci sono varie regole da rispettare sul personaggio, specialmente sulla gestione della rottura della Quarta Parete.

Ci sono delle regole. Regole molto specifiche. La posta in gioco nel film diminuirebbe se tutti, o anche solo chiunque altro, fosse consapevole della quarta parete o di qualsiasi tipo di aspetto meta. Deadpool è l’unico personaggio che ha la capacità di farlo. Se tutti lo facessero, non si investirebbe più così tanto nel personaggio. Si vuole davvero credere che il cattivo sia un cattivo. Si vuole credere che anche il personaggio della propria controparte sia vero. Deadpool può minare questo aspetto, e lo fa, perché non si vuole che il pubblico lo prenda sul serio.

Ha poi concluso il discorso Hugh Jackman:

Ryan descrive magnificamente il cervello di Deadpool come una frittata mezza cotta. Quindi, qualsiasi cosa stia facendo, parlare a una telecamera, a Wolverine, è solo un altro strato di fastidiose stronzate che devo sopportare. Chi sa cosa diavolo sta facendo? Ma è solo un’altra scusa per dargli un pugno in faccia.

Ha poi parlato Shawn Levy, elogiando la grande performance di Hugh Jackman nel film:

L’interpretazione di Hugh conferisce al film una gravitas e una qualità cruda e profonda che è incredibile, e non posso dire di più senza rovinare tutto. È uno degli elementi che differenziano il film dai precedenti film sugli X-Men o su Deadpool. Il duo lo differenzia. Il fatto che Logan sia con un motore comico per tutta la durata del film cambia tutto.

È come se Logan fosse legato al cofano di una Ferrari che va a 120 all’ora sull’Autobahn. Io e Ryan stavamo cercando di capire come fare per rimanere fedeli al fatto che Logan è in gran parte non verbale, burbero e laconico. Come potrebbe usare le parole in modo diverso in questo film? Come dice Ryan, entrambi i personaggi sono tormentati dal rimpianto e questo legame si evolve anche se si scagliano l’uno contro l’altro.

Il linguaggio scurrile all’interno di “Deadpool & Wolverine”

Continunado questa intervista, Shawn Levy ha parlato dei toni maturi all’interno di “Deadpool & Wolverine”, specialmente riguardo al personaggio di Ryan Reynolds, che come sappiamo, è molto famoso per il suo caratteristico comportamento:

Deadpool ha un DNA trasgressivo. È ancora un trasgressore di pari opportunità, ma il tutto è fatto con la stessa consapevolezza e fluidità culturale che hanno sia Ryan che il personaggio di Wade Wilson. Non abbiamo fatto un film di Deadpool più attento. È consapevole della cultura e della consapevolezza di essere in un film come lo è sempre stato il personaggio.

Ha poi continuato Ryan Reynolds, parlando delle differenze tra Deadpool e Wolverine:

Se si guarda al diagramma di Venn o alla sovrapposizione di questi due personaggi, per quanto siano molto diversi, la cosa che hanno in comune è la vergogna. Entrambi vivono in un ciclo di vergogna violenta. Deadpool è un personaggio molto verboso. È molto femminile, aperto e infantile. E accostarlo a un personaggio il cui archetipo è molto Clint Eastwood crea qualcosa di molto interessante.

È poi intervenuto Hugh Jackman, parlando dei toni che ha sempre preso nei panni di Wolverine nei precedenti film:

In tutte le occasioni in cui ho interpretato Wolverine, ho sempre ad-libbato a un certo punto. Spesso è scritto in modo molto scarno e io provo a fare cose diverse. Per la prima volta ho avuto un collega attore e un regista che sono scrittori, che sono comicamente brillanti, che tenevano a questo personaggio quanto me, che mi hanno detto: “Che ne dici di questo…?”. È una cosa molto difficile da fare a un attore, ma io dicevo: “Mi piace un casino! Fammi leggere una battuta…”. E loro ci sono dentro. Questo è l’elemento nuovo che non ho avuto prima.

Ha infine concluso Shawn Levy, parlando della grande amicizia tra loro tre:

Questa amicizia tra noi tre ha anche migliorato il film. Non ti vergogni di provare cose strane e stupide. E alcune di esse falliranno. Alcune non funzionano. Ma se sei a tuo agio nel fallire davanti ai tuoi amici, sarai anche a tuo agio nel provare cose che saranno ispirate.

Deadpool & Wolverine

SEGUITECI ANCHE SUL NOSTRO PROFILO TWITTER, SU CUI PUBBLICHIAMO LE PIÙ IMPORTANTI NOTIZIE DEL MONDO NERD!


Voi cosa ne pensate? Avete hype per il film?

Fonte: Vanity Fair

mariomario34

Ciao mi chiamo Mario e sono fan dei cinecomic.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *