RecensioniVideoGames

DIABLO IV – LA NOSTRA RECENSIONE! (2023)

Sviluppato e pubblicato da Blizzard Entertainment, Diablo IV è il quarto capitolo della famosissima saga aRPG, che stavolta sembra essere finalmente tornato agli splendori di un tempo, e non esitiamo a definirlo il gioco più bello mai pubblicato da Blizzard.

Diablo IV

PER RESTARE SEMPRE AGGIORNATI SU TUTTE LE NEWS, SEGUITE IL NOSTRO CANALE TELEGRAM!


Storia Diablo IV

Diablo 4 non solo ha la migliore trama nella storia del genere, ma potrebbe anche rappresentare alcune delle migliori storie dell’ultimo decennio. La storia di Diablo 4 è assolutamente magnifica, senza compromessi e profondamente toccante. Ambientato alcuni decenni dopo gli eventi di Diablo 3, Diablo 4 si svolge nel continente orientale di Sanctuary. Questa regione comprende le pungenti guglie montuose di Fractured Peaks e Scosglen a nord, e l’arida distesa di Kehjistan a sud-ovest, fiancheggiata dalle umide paludi di Hawezar a sud-est. La massa continentale giocabile di Diablo 4 è davvero enorme, costellata di dungeon spettacolari e roccaforti complesse, ognuna con la propria piccola storia da raccontare. Per il gioco principale, gran parte della storia di Diablo 4 ruota attorno a Lilith, il demone responsabile della creazione di Sanctuary. Lilith è un personaggio estremamente complesso e ruba completamente la scena in una campagna che sfoggia già di suo un cast davvero formidabile.

Diablo IV

Il personaggio del giocatore è ovviamente completamente personalizzabile con una serie impressionante di opzioni estetiche, con versioni maschili e femminili giocabili per ogni classe. Ogni classe di personaggi ha un doppiatore unico e ognuno di quelli abbiamo provato svolge un lavoro impeccabile all’interno del ruolo. A questo punto tutti i giocatori hanno già imparato a conoscere Lilith nel marketing del gioco, ma niente può avervi preparato alll’oscurità che raggiunge questo gioco senza paura. È difficile offrire veramente uno scorcio della storia del gioco senza sconfinare negli spoiler, ma ci proveremo comunque.

Diablo 4 abbandona i confini di altri arpg con un ottimo lavoro sulla telecamera, che è molto più coinvolgente e cinematografico di quanto il franchise sia tipicamente noto. Gli incredibili filmati pre-renderizzati per cui Blizzard è nota tornano con clamore, offrendo un filmato introduttivo sbalorditivo che mostra il ritorno di Lilith, dotata di un mantello forgiato con il sangue dei morti. Fin dall’inizio, il personaggio del giocatore, altrimenti noto come “il vagabondo”, viene coinvolto nella nuova ascesa di Lilith.

Sanctuary è essenzialmente una dimensione incastonata tra il Paradiso e l’Inferno, catturata nel fuoco incrociato nell’Conflitto Eterno, di centrale importanza nel gioco. La cosmologia del mondo del gioco e la più ampia storia di Diablo giocano un ruolo enorme nella direzione di Diablo 4, poiché Blizzard cerca di portare la tradizione del gioco fuori dall’oscurità e al centro della scena. Il tuo personaggio inseguirà Lilith e i suoi simili in tutto il continente, con Lilith avanti in quasi ogni fase del percorso. Incontrerete altri eroi con un interesse nella vostra ricerca, attraversando antiche tombe e coste frastagliate, giungle sudate e deserti aridi lungo la strada.

La campagna dura circa circa 30-40 ore, ma abbiamo notato a malapena il passare del tempo. Siamo stati assorbiti dall’inizio alla fine, grazie ai cattivi e agli eroi di supporto altrettanto forti del gioco, ognuno dei quali è imperfetto a modo suo e raramente stereotipato. Lilith è un cattivo davvero complesso le cui intenzioni sembrano sempre in contrasto con la sua natura demoniaca animalesca. Il suo mago campione, Elias, è tragico a modo suo, ma ancora assolutamente odioso. L’angelo Inarius ha una ricerca arrogante e risoluta per essere accettato di nuovo in paradiso, che influisce su ogni sua decisione. Nonostante il suo aspetto angelico, Inarius è un essere terrificante e imponente, avendo accumulato un culto attorno alle proprie idee su ciò che costituisce un comportamento “celeste”.

Diablo IV

La direzione della storia è sovversiva e inaspettata. Il feroce odio di Lilith per gli inferni e i paradisi evoca sovversivamente inquietanti parallelismi tra Sanctuary e il mondo reale, con temi che molti vedranno riflessi dentro di sé. In effetti, il tratto carismatico di Lillith a volte fa dubitare che lei sia veramente il cattivo, anche quando le sue azioni suggeriscono in modo sorprendente che lo sia. Siamo certi che Lilith troverà un posto tra i più grandi personaggi mai creati d Blizzard. La storia di Diablo IV non è la classica favola del bene contro il male, ma un complesso arazzo di volontà che combattono per il dominio in alcuni casi, e in altri, per l’essenza più basilare della sopravvivenza. Siamo rimasti senza parole dal modo in cui Diablo 4 ha fatto sembrare la narrazione fluidissima quando sono arrivati ​​​​i titoli di coda, ed era tutt’altro che facile riuscirci. Per questo, la campagna di Diablo IV è sicuramente la più bella della saga, e una delle più belle nel suo genere.

Diablo IV
Diablo IV

Gameplay

Diablo IV è un action gdr immerso nel genere che ha contribuito a rendere popolare decenni fa. Una prospettiva fissa della telecamera vi tiene sempre aggiornati sull’azione intorno al vostro personaggio mentre lanciate una quantità assurda di attacchi e poteri contro orde sempre più vaste di nemici. L’intero concetto di loot deriva da Diablo, quindi è abbastanza giustificato che il franchise sia ancora in cima agli arpg di qualità. Blizzard ha fatto l’inimmaginabile, ancora una volta, riportando Diablo ai vertici del genere RPG.

Diablo ruota quasi interamente attorno al bottino e agli attributi che puoi ottenere su oggetti di equipaggiamento leggendari e unici. La fisica dei vari effetti particellari fa molto per rendere soddisfacente il combattimento di Diablo IV, e trasforma sia i nemici che l’ambiente circostante. Siamo rimasti a bocca aperta nel vedere come alcuni degli attacchi hanno separato le acque poco profonde sulla loro scia e creato onde di tassellazione nella sabbia e nella neve. A livello tecnologico, i concorrenti inseguiranno Diablo per anni e anni. Gli attributi sugli oggetti inoltre modificano notevolmente le abilità del personaggio, aggiungendo meccaniche ed effetti completamente nuovi.

Diablo IV
Diablo IV

Il combat system di Diablo 4 si presenta in grandissima forma. Potrete comandare legioni di scheletri come negromante, saltare, sparare e pugnalare come un agile ladro, o sconfiggere gli avversari con un arsenale di armi pesanti grazie al barbaro. Schizzare i nemici in pezzi insanguinati, far esplodere un esercito di scheletri in una grandine di ossa e dividere orde di demoni non invecchia davvero mai. Ogni classe ha una gamma meticolosamente diversificata di gameplay di base, che diverge una volta che inizierete a spendere punti nei considerevoli alberi dei talenti del gioco. Diventa sempre più complesso quando inizierete a specializzarvi in tipi specifici di attributi leggendari e poi definirete lo stile di gioco una volta che troverete oggetti unici. Alcuni piccoli problemi fastidiosi verranno sistemati dopo il lancio, ma il flusso di base del gameplay è meticolosamente lucidato. Senza bug gravi, nessun lag neanche quando c’è il caos totale sullo schermo e combattimenti spettacolari che soddisferanno chiunque confezionano un gameplay praticamente perfetto, che abbiamo amato alla follia.

Diablo IV
Diablo IV

I dungeon della storia principale sono, ovviamente, molto interessanti, grazie ai loro boss e filmati unici. Un altro aspetto del gioco molto interessante è la meccanica della roccaforte, che vede parti del mondo del gioco popolate da mob d’élite ed eventi boss unici. Dopo aver completato queste roccaforti, sbloccherete una nuova città e un nuovo waypoint, occasionalmente con nuovi dungeon e altre missioni secondarie, mentre gli umani tornano per reclamare le loro case. Uno degli aspetti che abbiamo amato in Diablo 4 è il modo in cui il mondo cambia a seguito delle vostre azioni. Spesso tornerete nelle città precedenti e vedrete come i principali eventi della storia hanno cambiato i personaggi e i cittadini al loro interno. Avranno spesso nuovi dialoghi, reagendo al mondo che cambia intorno a loro. È un bel tocco e mostra una seria fedeltà nel mantenere il mondo di gioco coinvolgente e vivo.

Diablo IV

Comparto tecnico e grafico

Il comparto tecnico del gioco è semplicemente eccellente. Tolti piccolissimi bug che non inficiano sull’esperienza di gioco, la fisica degli attacchi e la reazione dei nemici e del mondo circostante è impressionante, e il lato tecnico di questo gioco sarà l’ossessione dei tanti competitor che nei prossimi mesi e anni dovranno alzare parecchio l’asticella per competere con Diablo IV su questo fronte.

Il comparto grafico del titolo è spettacolare. Le texture di ogni cosa, dal mondo di gioco ai nemici, passando per le armature e le armi, sono ad altissima risoluzione e la cura dei dettagli generale del gioco è impressionante, certificando ancora una volta l’eccellenza di Blizzard in questo campo.

Diablo IV

Conclusione e Voto

In conclusione, Diablo IV è un capolavoro spettacolare, che dopo un terzo capitolo della saga molto criticato torna alla ribalta con uno stile spietato, oscuro e gore all’ennesima potenza. La storia, estremamente cupa, è bellissima e vi terrà incollati allo schermo per tutta la sua durata, mentre il gameplay è estremamente divertente e pieno di build da poter provare. Il comparto tecnico del gioco è eccellente, così come eccellente è il clamoroso comparto grafico, con ogni singola texture ad altissima risoluzione che brilla nell’oscurità di Sanctuary.

Storia

Gameplay

Comparto tecnico e grafico

VOTO: 9.8 / 10

Versione testata: PC

SEGUITECI ANCHE SUL NOSTRO PROFILO TWITTER, SU CUI PUBBLICHIAMO LE PIÙ IMPORTANTI NOTIZIE DEL MONDO NERD!


E voi avete già giocato a Diablo IV? Fateci sapere la vostra opinione nei commenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *