DC Comics

Superman – Scott Snyder parla della sua esperienza sul set e del DCU! (2024)

Uno tra i più chiacchierati scrittori recenti della DC Comics è Scott Snyder, noto soprattutto per il suo lavoro sul personaggio Batman e per Superman: Unchained, che presto avrà tra le mani la gestione di un nuovo universo fumettistico, grazie alla linea editoriale di “Absolute Comics“. Sicuramente, quindi, nel vastissimo panorama di creatori della casa editrice statunitense, lo scrittore newyorkese è tra coloro che spiccano di più, tanto da essere invitato da James Gunn in persona sul set del suo prossimo film, “Superman“.

Parlando recentemente sul proprio blog online, Snyder ha raccontato della bellissima esperienza vissuta quel giorno, aprendosi ai migliaia di fan che lo seguono, spendendo dolci parole per tutta la crew che sta lavorando dietro alle quinte del lungometraggio. Allo stesso modo, si è espresso con frasi ricche di speranza e meraviglia sul DCU – il prossimo universo cinematografico di casa DC – e sulle persone che lo stanno sviluppando.

Scott Snyder
Scott Snyder

PER RESTARE SEMPRE AGGIORNATI SU TUTTE LE NEWS, SEGUITE IL NOSTRO CANALE TELEGRAM!


Ospite sul set di “Superman”

Dopo aver pubblicizzato un po’ il suo prossimo lavoro autoriale indipendente, White Boat, edito dalla DSTLRY, Snyder ha cominciato a descrivere la sua giornata da visitatore sul set del film che dovrà rilanciare la DC al cinema, Superman:

Quindi, Metropolis. Allora, la DC è stata così gentile da invitare me e alcuni altri creatori, delle leggende come John Ostrander e Dan Jurgens, Kevin Maguire, e poi delle persone come me, Josh Williamson e Jason Aaron, giù in Georgia dove stanno girando Superman .

E ovviamente non potevo dire di no. Ero molto entusiasta di andare. E ci hanno invitato laggiù per vedere alcune delle riprese, per incontrare tutti e per sentire i nostri pensieri al riguardo, il che è stato quasi incredibile. Quindi sono volato giù e ho incontrato tutti in hotel. L’hotel aveva libri della DC ovunque. È stato incredibile. Ed è tutta questa specie di palcoscenico allestito quasi nel mezzo della Georgia rurale. Davvero, spuntano dal nulla questi 30 grandi palcoscenici ed è fantastico. C’è tutta questa piccola città costruita intorno e dobbiamo andare sul set. Non sono mai stato seriamente su un set cinematografico prima.

Gli attori sono stati incredibilmente gentili e hanno detto cose molto carine sui fumetti, sulla DC e tutto il resto. E James Gunn è uscito allo scoperto ed era semplicemente il più grande fan dei fumetti da allora. Potevi vederlo che prendeva del tempo solo per parlare con John Ostrander, il che è stato così carino, e per prenderlo da parte e parlargli della creazione di Mr. Terrific, perché era l’anniversario di Mr. Terrific.

Scott Snyder
Chi l’ha detta
James Gunn e John Ostrander sul set di Superman
James Gunn e John Ostrander sul set di “Superman

Quindi, Snyder ha rivelato che tutti i fumettisti lì presenti sono stati interpellati sul materiale del film che gli è stato mostrato dal team:

Un paio di altri creatori leggendari e straordinari che erano lì, Frank Quitely, Jerry Ordway. È stato proprio un bel momento. Andavamo tutti molto d’accordo. E poi abbiamo potuto vedere parte un po’ del materiale concettuale ed era semplicemente fantastico. E quello che posso dire senza rivelare nulla o senza spoiler è che tutti coloro che sono coinvolti in questo sono veri fan di Superman, dell’eredità del personaggio e dei fumetti in grande stile.

I vari creatori sul set di Superman
I vari creatori sul set di “Superman

SEGUITECI ANCHE SULLA NOSTRA PAGINA INSTAGRAM PER RIMANERE SEMPRE SUL PEZZO!


Scott Snyder spiattella i punti forti del DCU

In seguito, per introdurre il discorso sul nuovo universo cinematografico, lo sceneggiatore ha parlato delle sue esperienze con la Warner Bros. nel campo del media in questione prima della creazione del DC Universe e dei colloqui avuti sul set di “Superman”:

Nel corso degli anni, la mia esperienza con la DC e i film è stata interessante. Penso di avervelo detto, ma quando ho iniziato alla DC, la Warner Brothers non era realmente una nostra società madre. E poi quando ciò accadde, ci fu molta eccitazione e tumulto quando la DC si trasferì sulla costa occidentale. E c’era sempre la domanda su quale sarebbe stata l’integrazione, se le persone che lavoravano nei fumetti avrebbero o meno preso parte agli spettacoli televisivi e ai film. E in gran parte non è stato così.

E non sto incolpando nessuno o dando la colpa a nessuno e quelle cose richiedono tempo, ma una cosa che è sempre stata chiara era che gli attori, i creatori e molte persone che lavoravano ai film erano davvero grandi fan dei fumetti. Quindi la mia esperienza in quel regno è sempre stata fantastica: incontrare Ben Affleck e lui che parlava dei suoi fumetti Batman preferiti…

Robert Pattinson dice cose carine su tutte le nostre cose. Voglio dire, è stato semplicemente fantastico. Ma quello a cui voglio arrivare è che non c’era lo stesso livello di integrazione in termini di processo creativo che sembra essere in corso ora, dove non è come se stessimo dando appunti o parlando con loro di cosa dovrebbero o non dovrebbero fare. Ma loro hanno chiesto la nostra opinione ed è stato divertente e ci hanno mostrato tutto quello che stanno facendo mentre veniva realizzato, cosa mai accaduta prima.

Ma penso che il fatto sia che, nel corso degli anni, lo studio e l’editore di fumetti sono sempre stati in qualche modo separati. E non è che siano completamente integrati ora, ma c’è trasparenza, relazione e soprattutto entusiasmo per entrambe le parti, entrambe le entità parlano tra loro e comunicano ed è una cosa meravigliosa da vedere.

E onestamente credo con tutto il cuore che Superman e l’intero DCU siano in ottime mani con James e con tutta la sua squadra. Ancora una volta, tutti lì non avrebbero potuto essere più gentili, non avrebbero potuto essere più entusiasti, erano anche tutti molto informati riguardo ai fumetti, tutto quanto. E oltre a ciò, è stato davvero bello vedere quanto tutti fossero felici sul set . Solo un grande cenno a James Gunn e al modo in cui gestisce il set, perché tutti sembravano felici ed entusiasti di far parte della produzione.

Infine, Snyder ha concluso rinnovando l’elogio generale ai DC Studios, a tutto il gruppo di persone che ne fa parte e sta creando con dedizione il nuovo universo, cercando di stringere sempre l’occhio al materiale di partenza:

Sono molto grato alla DC e molto, molto grato a James Gunn e a tutti allo studio per averci invitato. È stata una cosa speciale. E l’ultima cosa che dirò, però, è che vedete il loro impegno nei confronti dei fumetti solo per il fatto che hanno grandi scrittori di fumetti come Tom King nel gruppo di esperti, nelle stanze degli scrittori, nella conversazione su quali cose a che fare con i personaggi. Li vedi adattare cose come Supergirl: Woman of Tomorrow (lettura fantastica).

Quindi, ancora una volta, la sensazione in questo momento è davvero positiva. E non sono io a buttare fumo. Non sto cercando di essere un leccaculo o cose del genere, perché non ho ambizioni in quel campo. Ad esempio, adoro essere coinvolto tanto quanto chiunque vuole coinvolgermi. Eppure, allo stesso tempo, sono davvero felice di fare fumetti, animazione e cose del genere.

Quindi quello che sto cercando di dire è che è stata la sensazione migliore che abbia mai avuto in termini di modo in cui la DC opera come un’entità unica, sia cinematografica che fumettistica. E do molto credito, ancora una volta, a James Gunn, a Jim Lee e a tutti coloro che hanno fuso queste due cose in un bel modo.

Il logo dei DC Studios

E voi, cosa ne pensate? Concordate con le affermazioni di Snyder? Vorreste visitare anche voi il set di “Superman”? Fatecelo sapere qui sotto con un commento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *