DC Comics

Lo stile dei registi del DCU – Craig Gillespie e “Supergirl: Woman of Tomorrow”! (2024)

Precisamente il 15 maggio 2024, Craig Gillespie veniva annunciato come regista del secondo lungometraggio del DCU, ovvero “Supergirl: Woman of Tomorrow” con protagonista la giovane Milly Alcock nei panni di Kara Zor-El, cugina di Clark Kent/Kal-El (che ricordiamo nel nuovo universo condiviso della DC Comics sarà interpretato da David Corenswet).

L’esperto regista australiano (57 anni a settembre) non vanta una filmografia di prim’ordine, tutt’altro, ed è sconosciuto ai più. Ecco, infatti, in ordine cronologico i titoli che ha diretto: Lars e una ragazza tutta sua“, “Mr. Woodcock“, “Fright Night – Il vampiro della porta accanto“, “Million Dollar Arm“, “L’ultima tempesta“, “Tonya“, “Crudelia“, “Pam & Tommy“, “Mike“, “Dumb Money. Sarà, quindi, la scelta giusta per il rilancio al cinema di Supergirl? In quest’articolo proveremo a formulare una risposta, andando ad analizzare il suo stile tramite le varie pellicole da lui dirette, come abbiamo già fatto per James Gunn e James Mangold, rispettivamente regista di Superman e Swamp Thing.

N.B.: Verranno presi in considerazione solamente i film disponibili in Italia (ciò significa che rimangono fuori dalla lista “Mr. Woodcock” e “Dumb Money”). Non verranno prese in atto “Pam & Tommy” e “Mike”, poiché – in quanto miniserie – presentano influenze diverse, non essendo dirette solamente da Gillespie.

Craig Gillespie anteprima di Cruella
Craig Gillespie

PER RESTARE SEMPRE AGGIORNATI SU TUTTE LE NEWS, SEGUITE IL NOSTRO CANALE TELEGRAM!


Lo stile di Craig Gillespie

La cosa che balza subito all’occhio nella filmografia del regista di Sydney è l’uso di molta color correction nella post-produzione, che si traduce in una fotografia satura e piena di colori. L’esempio lampante è quello di Tonya, in questo senso. Chiaramente, ci sono un paio di casi dove la saturazione non è massimale, ovvero Lars e la ragazza tutta sua (Lars and the real girl in originale), dove la colorazione doveva trasmettere malinconia e tristezza, e L’ultima tempesta, dove la maggior parte delle scene sono ambientate di notte (anche se, in quelle girate in interna si percepisce comunque una saturazione abbastanza elevata).

Un altro tratto distintivo è l’utilizzo di scenografie generalmente spoglie, quasi vuote e con poca personalità, specie nelle scene interne, come quelle nelle abitazioni in Fright night – Il vampiro della porta accanto o Million Dollar Armo ancora in Lars e la ragazza tutta sua. La messa in scena, infatti, non è propriamente il lato forte di Gillespie, che spesso pecca soprattutto nella direzione degli attori. Difatti, le performance migliori sono quelle di attori/attrici affermate ed espressive, come Margot Robbie ed Emma Stone.

Per quanto riguarda la direzione, in tutti i lungometraggi diretti da Gillespie la telecamera si muove sempre molto, risultando in una regia molto movimentata e dinamica, con frequenti piani sequenza dalla durata molto breve. In quasi tutte le pellicole è, infine, percepibile una colonna sonora dalle note dolci e armoniche, spesso causata dalla presenza di storyline e intrecci romantici.

Craig Gillespie

SEGUITECI ANCHE SULLA NOSTRA PAGINA INSTAGRAM PER RIMANERE SEMPRE SUL PEZZO!


È Gillespie la scelta giusta per “Supergirl: Woman of Tomorrow”?

Dire con quasi due anni di anticipo se Craig Gillespie sia la scelta giusta per Supergirl è complicato e, soprattutto, un azzardo. Da una parte, infatti, sembra essere veramente una delle migliori opzioni, se non addirittura la migliore.

L’australiano, infatti, ha già fatto esperienza con molti elementi e temi presenti nel film: l’alienazione e la difficoltà nel rapportarsi con gli altri in Lars e la ragazza tutta sua, che, stando alle descrizioni del personaggio, dovrebbero essere tratti distintivi e importanti della caratterizzazione di Kara; l’uso degli effetti speciali (anche se non in modo massiccio) in Tonya, dove è il triplo Axel è stato interamente realizzato con la computer grafica, eL’ultima tempesta, che si basa gran parte sulla CGI; tutti i combattimenti diretti in Fright Night – Il vampiro della porta accanto e le coreografie inTonya“, che potrebbero rivelarsi entrambi utili nel momento in cui dovrà dirigere gli scontri in Supergirl: Woman Of Tomorrow.

Dall’altra parte, però, non essendo propriamente un mago dell’azione e soprattutto non eccellendo nella direzione degli attori, rimane comunque un discreto numero di dubbi, che rimarranno e non verranno sciolti fino all’uscita del primo trailer. A ogni modo, sostanzialmente gran parte della riuscita finale è nelle mani di Ana Nogueira, che dovrà confezionare una sceneggiatura di alto livello, sperando che l’esperienza accumulata nel corso degli anni possa giovare a Gillespie.

In conclusione, il nativo di Sydney potrebbe rivelarsi davvero la scelta giusta, in grado di regalarci un bel film.

Craig Gillespie

E voi, cosa ne pensate di Craig Gillespie? Secondo voi, è la scelta giusta per il rilancio di Supergirl al cinema?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *