MarvelDC ComicsCinema

CINECOMICS – KEVIN FEIGE SI ESPRIME RIGUARDO LE PERSONE A CUI NON PIACCIONO (2023)

Il presidente dei Marvel Studios Kevin Feige si è espresso riguardo ai detrattori dei cinecomics in una recente intervista. Feige e il suo MCU hanno raccolto un sacco di critiche negli ultimi dieci anni o giù di lì, da quando sono praticamente diventati i maggiori produttori del genere dei cinecomics.

Tra questi detrattori ci sono alcuni dei più grandi registi viventi in giro, con artisti del calibro di Martin Scorsese, James Cameron, e Denis Villeneuve hanno reso noto il loro disappunto, fino anche a chiamare l’intero genere “non cinema.” Feige e i pezzi grossi dei Marvel Studios non sono rimasti in silenzio sull’argomento, soprattutto riguardo la grave mancanza di riconoscimento del genere, cogliendo l’occasione per applaudire e potenzialmente legittimare l’ambiente narrativo agli occhi dei dubbiosi.

Kevin Feige
Kevin Feige

PER RESTARE SEMPRE AGGIORNATI SU TUTTE LE NEWS SUL MONDO MARVEL, SEGUITE IL NOSTRO CANALE TELEGRAM!


Kevin Feige ribatte agli heaters

Il capo dei Marvel Studios Kevin Feige ha richiamato le persone che non amano il genere dei cinecomics.

In un’intervista sul podcast ufficiale di Black Panther: Wakanda Forever, Feige ha risposto alle persone “che non possono apprezzare una storia del genere” e semplicemente scrivere qualcosa del genere supereroistico dicendo “No, non è per me” semplicemente perché è una storia a fumetti:

C’erano alcune persone, che non riuscivano ad apprezzare una storia a quattro colori, stampata, bidimensionale. Sai, semplicemente non potevano farlo. Proprio come oggi, oserei dire. Le persone che non riescono ad accettare una storia di genere o qualcosa che è nello spazio, o le persone che possono respirare sott’acqua. ‘No, non è per me.’

Kevin Feige

Il produttore Marvel Studios Nate Moore, che si è unito a Feige nel podcast, ha fatto altrettanto, affermando i detrattori che vedono questi film come “parchi a tema”.

Questo commento di Moore era in risposta diretta ai pensieri di Martin Scorsese sul genere dal 2019. A quel tempo, disse a Empire Magazine (via comicbook.com) che i film Marvel non erano cinema, paragonandoli invece a “parchi a tema ben fatti…:”

Onestamente, la cosa più vicina a cui riesco a pensare riguardo ai film, così ben fatti come sono, con gli attori che fanno il meglio che possono in queste circostanze, è parchi a tema. Non è il cinema degli esseri umani che cercano di trasmettere esperienze emotive e psicologiche a un altro essere umano.

Nate Moore
Nate Moore
Nate Moore

Nell’arco dello stesso episodio, Feige è entrato nel merito del come è stato costruire una carriera intorno agli eroi, lamentandosi del fatto che “ogni giorno è surreale,” ma specificando che egli è grato che dopo 22 anni di lavoro a Hollywood, “il pubblico ha risposto in questo modo:”

Penso a questo ogni giorno in ogni aspetto di quello che ho la fortuna di fare. Tutti i giorni è surreale e portare queste storie alla vita, di nuovo, che finora è stato un viaggio di 22 anni, proprio da quando lavoravo nei primi giorni del primo film X-Men. E gran parte di quel tempo, cioè quasi metà della mia vita, è stato speso a guardare fumetti e sognare, oserei dire, ‘Cosa succede se? E se potessimo fare più film di X-Men? Cosa succederebbe se potessimo portare Spider-Man sullo schermo? E se potessimo finalmente fare i Vendicatori?’ E ‘divertente che il pubblico abbia risposto nel modo in cui hanno fatto, in modo che possiamo continuare portando anche Namor sullo schermo.

Kevin Feige

Secondo Nate Moore, “i tagli sono più profondi che mai” nei cinecomics:

Sì, sembra proprio che i tagli siano più profondi che mai. Voglio dire, quando ero un bambino c’era Superman e c’era Batman, e Spider-Man stava arrivando, ed era come, ‘Beh, credo che abbiamo fatto ragazzi, Credo che sia tutto.’ Ma ora sapete che c’è un film dei Guardiani della Galassia, e un film di Ant-Man, e la gente dice, ‘Cosa sta succedendo?’ E per me, è come, ‘Oh, questi sono tutti personaggi con cui ho vissuto nella mia immaginazione per più di 40 anni.’

Nate Moore

Ha detto che ora è un genere con la capacità di esplorare “grandi idee fantastiche, grande avventura, grandi personaggi e temi:”

Ma dimostra che, credo, la narrazione fumettistica, che è stata emarginata per molto tempo per molte ragioni, è valida come qualsiasi forma di narrazione se la prendi sul serio e la vedi per quello che può essere, che è un genere con cui puoi esplorare le cose. Grandi idee fantastiche, grande avventura, grandi personaggi e temi che risuonano. E la grande notizia è che, Marvel Comics, anche indietro nel tempo tematicamente stavano parlando di questo

Nate Moore
Ant-Man and the Wasp: Quantumania
Ant-Man and the Wasp: Quantumania

SEGUITECI ANCHE SULLA NOSTRA PAGINA INSTAGRAM PER RIMANERE SEMPRE SUL PEZZO!


La Marvel lotta per la sua legittimità

Ovviamente, Kevin Feige e l’MCU non hanno bisogno di dimostrare nulla a nessuno a questo punto. La storia dei Marvel Studios è diventata il più grande franchise cinematografico di tutti i tempi, guadagnando oltre 28 miliardi di dollari al botteghino in 30 film. E quel numero non include gli abbonamenti Disney+ direttamente legati a persone che vogliono guardare l’ultima serie in streaming Marvel Studios.

Nonostante questo, Feige, Moore e gli altri membri dei Marvel Studios continueranno la loro lotta per la legittimità percepita. In questo momento la più grande critica al genere è l’intero argomento “parco a tema”. Che questi non sono film, che raccontano storie tentacolari e importanti, ma sono più simili a parchi a tema, che si potrebbero trovare in uno qualsiasi dei parchi Disney.

Ma non potrebbe essere più lontano dalla verità. Anche se la struttura narrativa dell’MCU in particolare è un po’ diversa dalle storie contenute in un film di Martin Scorsese o Quentin Tarantino, non significa che non abbiano meritino di essere presi in considerazione. Basta guardare ciò che l’ultimo grande blockbuster dei Marvel Studios, Black Panther: Wakanda Forever, ha fatto. Certo, era una storia di supereroi, ma serviva anche come una storia toccante su come canalizzare il proprio dolore. Questa storia ha sicuramente più sfumature rispetto a un semplice giro al parco a tema.


ABBIAMO ANCHE UN PROFILO TIKTOK CON NOTIZIE ED EDIT SUL MONDO MARVEL!


E voi da che parte siete? Siete d’accordo con Kevin Feige?

Fonte: The Direct

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *