AMSTERDAM – LA NOSTRA RECENSIONE! (2022)

A sette anni di distanza da Joy, David O. Russel torna alla regia con il tanto atteso Amsterdam, un film molto ambizioso ma non per tutti, basato su una storia incredibile e in parte vera. Amsterdam composto da un cast incredibile partendo un brillante Christian Bale fino a Taylor Swift, presentato in anteprima al Festival del cinema di Roma è dal 27 Ottobre disponibile al cinema! Ed ecco qui noi di NerdAlQuadrato a recensirlo!

Chi ci segue sa già che la recensione di Amsterdam sarà divisa in diverse categorie: la parte no-spoiler, parte spoiler, la parte dedicata ai personaggi e al cast, un ulteriore all’aspetto tecnico e infine l’opinione finale con voto.

AMSTERDAM - LA NOSTRA RECENSIONE! (2022)

PER RESTARE SEMPRE AGGIORNATI SU TUTTE LE NEWS, SEGUITE IL NOSTRO CANALE TELEGRAM!


Recensione No-Spoiler

Ambientato negli anni Trenta, Amsterdam racconta il rapporto speciale di un gruppo di tre amici: il dottor Burt Berendsen (Christian Bale), l’avvocato Harold Woodman (John David Washington) e l’infermiera Valerie Voze (Margot Robbie). I protagonisti, testimoni incolpevoli di un omicidio, si ritrovano ad esserne i sospettati principali. Nel tentativo di scoprire i veri responsabili, si scopriranno coinvolti in un gioco più grande di loro.

Stavolta bisogna dire che la critica si sbagliava. Stavolta in positivo. Ho amato American Hustle e Il Lato Positivo ma non ho mai trovato interessate come autore O. Russel, soprattutto quando usa i suoi film come manifesto politico, ma questo film è bellissimo. Un film con un’estetica migliore rispetto ad American Hustle ma allo stesso tempo delirante, un cast infinito e bravissimo, dove regna sopra a tutti un bravissimo e incredibile Christian Bale, che regala una delle sue migliori interpretazioni a mio dire.

La narrazione del film non sarà adatta a chiunque e in alcuni pezzi ci sono dei dialoghi un po’ “strani” e allungati di troppo, il rapporto con il trio a prima visione sembra non essere ben costruito ma alla seconda visione si comprende meglio perché questi tre personaggi siano così tanto legati e uniti dall’amore. Finale abbastanza politico ma non risultando insensato o incocludente. Un film sul vivere e sull’amore. Un film che è sia una bellissima commedia che un bellissimo dramma. Consigliatissimo su tutti i fronti!

Voto: 8/10

AMSTERDAM - LA NOSTRA RECENSIONE! (2022)

Recensione Spoiler

Il film parte come un semplice Whodunit, con la sospetta morte di Bill Meekins, qui entrano in scena Burt (Christian Bale) e Halord (John David Washington) che sotto commisione della figlia di Meekins, Liz Meekins interpretata da Taylor Swift, dovranno scoprire chi ha ucciso Meekins, ma questo sarà solo l’inizio di una cosa più grande di loro, che insieme a Valerie (Margot Robbie) sveneterrano la più grande operazione criminale della storia americana.

Questa è la premessa di Amsterdam, quella di raccontare la vera storia di come il generale Gil Dillenbeck contribuì a sventare il piano della “comitiva dei 5”, infatti questi volevano creare un vero e proprio dittatore fascista nei U.S proprio come stava succedendo in Germania e in Italia, sfruttando la figura del generale che ai tempi era la persona più decosora e importante nei anni 30.

AMSTERDAM - LA NOSTRA RECENSIONE! (2022)

Personaggi e Cast

Il cast di Amsterdam è immenso, contiene praticamente ogni volto noto di Hollywood, questa è la magia di David O. Russel, riesce a creare film grandissimi con cast altrettanto convicenti e grandissimi. Christian Bale risulta del tutto convincete nel intepretare un reduce di guerra, sguardi, movimenti e dialoghi perfettamente adatti al suo personaggio.

Il resto del cast è veramente molto buono e ognuno fa il suo, anche Taylor Swift che anche con un minore screentime rispetto a tutti riesce a dare una buona intepretazione. Il punto di forza di tutti i film di O. Russel è quello di creare dei outsider che riesci ad apprezare ed amare e Amsterdam ne è la prova; Un ottima costruzione di tutti i personaggi siano primari che secondari.

AMSTERDAM - LA NOSTRA RECENSIONE! (2022)

Aspetto tecnico

La regia di Amsterdam è sempre molto stravagante che prova a mischiare tantissime cose da piani sequenza ben fatti a primi piano più o meno riusciti, è una regia che non ti annoia e non ti fa pesare quelle due ore di visione. La fotografia è elemento molto buono, che punta molto su colori caldi e, in alcuni casi fa dei constrati da con colori spenti come il nero insieme al dorato. Effetti Speciali buoni ma non eccezzionali. La messa in scena è coinvolgente e funziona. Ottima la ricostruzione della New York dei anni 30 anche nei minimi dettagli.

AMSTERDAM - LA NOSTRA RECENSIONE! (2022)

Opinione finale con voto

Per concludere… Amsterdam è un film bellissimo, un inno alla ricerca dell’amore e del vivere, un manifesto politico non esagerato e molto attuale con la tematica trattata. Parte con una narazzione per poi passarne ad un altra, cast incredibile che funziona e ti trasporta in quel mondo tanto corotto quanto intrigante. O. Russel da una storia vera riesce a crearti attorno una vicenda basato sull’amore, su cosa ci fa veramente vivere.

La vera domanda che dovete farti quando uscite dalla sala è: “Qual è la mia Amsterdam?” Amsterdam è quel momento che ti fa capire che ami la vita, qualunque cosa accada. È una buona domanda da porsi. Qual è la mia Amsterdam? Per cosa vale la pena vivere? Per cosa vale la pena amare?

Voto: 8/10

AMSTERDAM - LA NOSTRA RECENSIONE! (2022)

SEGUITECI ANCHE SUL NOSTRO PROFILO TWITTER, SU CUI PUBBLICHIAMO LE PIÙ IMPORTANTI NOTIZIE DEL MONDO NERD!


Cosa ne pensate? Andrete a vedere Amsterdam?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.