ANT-MAN AND THE WASP: QUANTUMANIA – COMUNICATO STAMPA COMPLETO CON DESCRIZIONI DEI PERSONAGGI E MOLTO ALTRO (2023)

“Ci sono mondi qui… mondi su mondi. È un luogo al di fuori del tempo e dello spazio. È una civiltà segreta sotto la nostra.”
Janet van Dyne, “Ant-Man and The Wasp: Quantumania”

⚠️ ATTENZIONE: ALLERTA SPOILER SU “QUANTUMANIA” ⚠️

Ant-Man and The Wasp: Quantumania dei Marvel Studios vede Scott Lang e Hope van Dyne che continuano a esplorare la vita come una coppia che guarda caso sono anche supereroi. La vita è bella – Scott ha scritto un libro, Hope sta sostenendo cause umanitarie e la loro famiglia – i genitori di Hope, Janet van Dyne e Hank Pym, e la figlia di Scott, Cassie – fanno finalmente parte della loro vita quotidiana. Cassie, a quanto pare, condivide la passione della sua nuova famiglia per la scienza e la tecnologia, in particolare per quanto riguarda il Regno Quantico.

Ma la sua curiosità porta tutti loro a un inaspettato viaggio di sola andata nel vasto mondo subatomico, dove incontrano strane nuove creature, una società colpita e un signore del tempo la cui minacciosa impresa è appena iniziata. Con Scott e Cassie trascinati in una direzione, e Hope, Janet e Hank in un’altra, sono persi in un mondo in guerra senza avere idea di come o se ritroveranno mai la strada di casa.

Ant-Man and The Wasp: Quantumania

PER RESTARE SEMPRE AGGIORNATI SU TUTTE LE NEWS, SEGUITE IL NOSTRO CANALE TELEGRAM!


Ecco il contenuto del comunicato stampa!

Dando il via alla Fase 5 del Marvel Cinematic Universe, l’avventura frenetica e per il grande schermo presenta tutto il cuore e l’umorismo che i fan dell’MCU si aspettano. “I film di Ant-Man hanno sempre riguardato la famiglia”, afferma il regista Peyton Reed. “In ‘Quantumania’, stiamo approfondendo e complicando la dinamica familiare mentre dipingiamo su una tela molto più grande. Ci siamo immersi nel Regno Quantico nei primi due film e questa volta volevamo dare al film un aspetto completamente diverso: è un’esperienza epica”.

La posta in gioco è alta, aggiunge Reed: “Ant-Man and The Wasp: Quantumania” pone le basi per diversi film a seguire. “Questo, per me, è stato estremamente eccitante”, dice. “Creare il Regno Quantico: è l’ultimo atto della creazione del mondo. L’idea è che vadano più in basso nel Regno Quantico di quanto abbiamo visto nei film precedenti. Non solo dovevamo creare l’aspetto di queste città e civiltà, abbiamo dovuto creare la logica interna e la storia, e poi popolarla con tutte queste creature, esseri e strutture.”

“Abbiamo raccolto molte ispirazioni visive, dalla fotografia al microscopio elettronico alle immagini di riviste heavy metal degli anni ’70 e ’80”, continua Reed. “Ho raccolto tutte queste immagini da vecchie copertine di libri tascabili di fantascienza, artisti come John Harris, Paul Laird, Richard M. Powers. Quei dipinti erano evocativi e davvero lunatici. Ci piaceva quella sensazione e quel tono per l’aspetto del Regno Quantico.”

Il produttore Stephen Broussard aggiunge: “È uno spazio interiore subatomico all’interno del mondo che conosciamo. Ci siamo chiesti: ‘Che aspetto ha la tecnologia quaggiù? Che aspetto ha la società quaggiù? Che aspetto hanno la religione e la politica quaggiù?’ Penso che uno dei motivi per cui l’MCU ha avuto successo e ha avuto la longevità che ha avuto finora è che vediamo nuovi personaggi e nuove storie come un’opportunità per sfondare la porta su mondi completamente nuovi”.

Gli attori di“Ant-Man and The Wasp: Quantumania” sono Paul Rudd nei panni di Scott Lang/Ant-Man, Evangeline Lilly nei panni di Hope van Dyne/The Wasp, Jonathan Majors nei panni di Kang il Conquistatore e Kathryn Newton nei panni di Cassie Lang, con Michelle Pfeiffer nei panni di Janet van Dyne e Michael Douglas nei panni di Hank Pym. Il film presenta anche David Dastmalchian come Veb, Katy O’Brian come Jentorra, William Jackson Harper come Quaz e Bill Murray come Lord Krylar.

Diretto da Peyton Reed, da una sceneggiatura scritta da Jeff Loveness, “Ant-Man and the Wasp: Quantumania” dei Marvel Studios è prodotto da Kevin Feige e Stephen Broussard. I produttori esecutivi sono Louis D’Esposito, Victoria Alonso e Kevin de la Noy. Il team creativo comprende il direttore della fotografia William Pope, lo scenografo Will Htay, la costumista Sammy Sheldon Differ e i montatori Adam Gerstel e Laura Jennings. Il team comprende anche il supervisore degli effetti visivi Jesse James Chisholm, il produttore degli effetti visivi Fiona Campbell Westgate, il supervisore degli effetti speciali Paul Corbould e il truccatore e parrucco Jan Sewell.

Con la musica del compositore Christophe Beck, “Ant-Man and The Wasp: Quantumania” dei Marvel Studios uscirà nelle sale a livello nazionale il 17 febbraio 2023.

Ant-Man and The Wasp: Quantumania

SEGUITECI ANCHE SULLA NOSTRA PAGINA INSTAGRAM PER RIMANERE SEMPRE SUL PEZZO!


Un’avventura subatomica a sorpresa per gli eroi contro un nuovo nemico

Paul Rudd, Evangeline Lilly, Michelle Pfeiffer e Michael Douglas tornano sul grande schermo insieme al cattivo più potente del MCU fino a oggi.

“Ant-Man and The Wasp: Quantumania” dei Marvel Studios è un’epica avventura fantascientifica con colpi di scena, svolte ed eccitazione ricca di azione. Ma al centro della storia ci sono i personaggi che i fan conoscono e amano e il loro approccio concreto all’essere supereroi.

Secondo il produttore Stephen Broussard, la storia porta i personaggi esistenti in un nuovo terreno dove incontrano una serie di volti sconosciuti, alcuni amichevoli, altri no. “‘Ant-Man and the Wasp: Quantumania’ è molte cose”, dice Broussard. “Prima di tutto è un’avventura per famiglie. È la storia di una famiglia di supereroi che viene fondamentalmente trascinata in un’avventura all’interno del Regno Quantico, e al suo interno diventa un epico film di guerra di fantascienza e una storia di formazione. Sono molte cose diverse racchiuse in un unico film”.

Peyton Reed, che torna a dirigere la nuova avventura dopo aver diretto i due precedenti film della lineup di “Ant-Man”, conosce a fondo i personaggi affermati. Era ansioso di portarli a nuove profondità, per così dire, pur mantenendo i loro valori fondamentali guidati dalla famiglia. “La figlia di Scott, Cassie Lang, ora ha 18 anni”, dice Reed, “e la relazione tra Scott e Cassie è sempre stata una parte cruciale dei film di Ant-Man.”

La sua più grande motivazione nella vita è essere un buon padre per sua figlia, ma gli eventi gli hanno impedito di passare del tempo con lei. In questo film, Scott è un po’ in difficoltà perché si relaziona ancora con Cassie da bambina, ma ora è una giovane adulta. Ed è un’idealista. Ha le sue idee su come comportarsi vita, che creano una tensione drammatica e comica davvero grande.

“Volevamo esplorare l’idea dei segreti che i membri della famiglia potrebbero nascondersi l’un l’altro”, continua Reed. Hope e Hank hanno salvato Janet dal Regno Quantico dove ha vissuto per 30 anni. È facile immaginare che Hope avesse le sue idee su come sarebbe stato riunirsi con sua madre, condividendo tutte queste storie, imparando tutto sul suo tempo via. Ma cosa succederebbe se sua madre non fosse così disposta a condividere tutto quello che è successo laggiù? Cosa succederebbe se mettesse su un muro emotivo? Il film parla davvero di questa idea che puoi farla finita con il passato, ma il passato non ha mai finito con te.”

Lo scrittore Jeff Loveness, che è stato chiamato ad aiutare a scavare nel Regno Quantico per la nuova storia, è stato incuriosito dall’opportunità di portare Ant-Man e Wasp fuori da San Francisco e in un nuovo mondo sconosciuto e terrificante. “Quando ho incontrato per la prima volta Peyton [Reed] e la Marvel, eravamo così entusiasti di realizzare questo epico, imponente film d’avventura con il supereroe che potresti meno aspettarti di esserci. Fin dall’inizio, l’idea era di metterli su contro una minaccia di livello Avengers, il prossimo grande cattivo dell’MCU, Kang il Conquistatore, ma sono solo Scott, Hope e le loro famiglie”.

Per Broussard, gli archi narrativi dei personaggi sono fondamentali per la narrazione. “Una delle nostre filosofie che abbiamo sempre applicato allo studio è semplicemente tornare al personaggio, e radicarlo nel personaggio, e la fantascienza e la costruzione del mondo sono divertenti ma alla fine è una vetrina per i personaggi che sono in questo viaggio. Penso che finché non dimentichiamo mai che questa è una storia su un padre e sua figlia che si ricollegano, che essenzialmente è ciò che è questo film, allora l’ebbrezza del multiverso, l’ebbrezza del Regno Quantico si risolve da sola perché devi solo capire che è una storia tra padre e figlia”.

“Ant-Man and the Wasp: Quantumania” è un film a sé stante con una trama che avrà un impatto significativo sul futuro del MCU. Dice Broussard: “Parliamo di film come ‘Captain America: The Winter Soldier’, in cui hai visto la caduta dello S.H.I.E.L.D. e sembrava che l’intero MCU si fosse concentrato su questo. ‘Captain America: Civil War’ è stato un altro film in cui ho visto gli eroi divisi e in campi e linee di battaglia disegnati: sembrava davvero che il futuro dell’MCU sarebbe stato definito dall’azione di quel film. Ci è davvero piaciuta l’idea di rendere questo film di Ant-Man importante e parte integrante dell’MCU in futuro”.


SEGUITECI ANCHE SUL NOSTRO PROFILO TIKTOK, IN CUI PUBBLICHIAMO EDIT E VIDEO NEWS, A TEMA MARVEL!


Ecco qui i personaggi!

SCOTT LANG/ANT-MAN è una persona normale che accidentalmente è diventato un supereroe, nientemeno che un Vendicatore, che ha letteralmente salvato il mondo. La vita è bella a San Francisco. Scott si diverte a promuovere il suo libro “Attenti al ragazzino!” e fa tesoro della sua relazione con Hope van Dyne, sia che si divertano insieme in cima al Golden Gate Bridge o che escano con i genitori di Hope, Hank e Janet. Più di ogni altra cosa, Scott vuole recuperare il tempo perduto con sua figlia, Cassie. Potrebbe avere 18 anni, ma è ancora suo padre.

Scott riposa sugli allori”, afferma il regista Peyton Reed. “Sta facendo il giro della vittoria quando viene trascinato in un’avventura che non si aspettava”.

Paul Rudd torna sul grande schermo nei panni di Scott Lang/Ant-Man. “Sono successe molte cose con Scott negli ultimi anni”, dice Rudd. “Questo è una persona che viveva una vita normale fino a quando non ha commesso un crimine tipo Robin Hood perché è un bravo ragazzo. È andato in prigione per un paio d’anni e poi è stato reclutato per diventare un supereroe. Si è unito agli Avengers, è sceso nel Regno Quantico e quando è tornato ha salvato l’Universo.”

“Iniziamo questo film dopo che si sono verificati gli eventi di ‘Endgame'”, continua Rudd. “Penso che per la prima volta in molti anni, Scott sia in grado di prendere fiato, sedersi e passare un po’ di tempo con sua figlia ed essere presente nella propria vita. Ma non durerà a lungo.”

Rudd, che interpreta il personaggio dal 2015, dice di sentire un’affinità con Scott Lang e Ant-Man. “Una delle cose divertenti nell’interpretare questa parte è che non c’è niente di straordinario in Scott, dice Rudd. “Non possiede alcuna vera super abilità: non è un dio del tuono, non è grande, verde e forte, non può volare. È solo un uomo intuitivo e intelligente. Recitare la parte di una persona normale che non vuole davvero, ma è costretto a essere eroico è divertente”.

HOPE VAN DYNE/THE WASP è la brillante leader della Pym van Dyne Foundation, che utilizza la rivoluzionaria particella Pym in modi nuovi e innovativi per promuovere gli sforzi umanitari. A livello personale, Hope è sollevata dal fatto che sua madre sia di nuovo a casa, anche se Janet ha tenuto tutti all’oscuro delle sue esperienze nel Regno Quantico. La relazione tra Hope e Scott è fiorente e lei ha un legame speciale con sua figlia, Cassie, il cui spirito indipendente ricorda se stessa a Hope a quell’età.

Ancora una volta, Evangeline Lilly ritrae il carattere coraggioso, determinato e filantropico. Hope è iniziata come una donna isolata, fredda e tagliata fuori che era stata ferita così gravemente durante l’infanzia che si è davvero allontanata dall’intimità e dalle relazioni”, dice Lilly. “Ora, ha ricucito il suo rapporto con suo padre, ha riportato sua madre dal Regno Quantico, si è innamorata perdutamente di Scott Lang: sono un duo dinamico, una coppia di supereroi. E per di più, lei è ha quasi adottato sua figlia, Cassie, e sta rivitalizzando la tecnologia Pym, usandola per migliorare il mondo”.

Ma, secondo il regista, Hope lotta con la realtà di riavere sua madre. Dice Reed: Hope aveva questa aspettativa: ‘Finalmente riavrò mia madre dopo 30 anni. Posso ascoltare tutte le sue storie. Posso viverla come una persona reale e forse anche un modello.’ Ma a quanto pare, non è proprio così. Hanno un buon rapporto, ma Janet sta decisamente alzando un muro. Ci sono cose di cui non vuole parlare. Hope lo trova abbastanza frustrante, e nel corso del film, sono costrette ad affrontare la realtà di quei segreti. Sta accadendo tutto mentre sono in fuga nel Regno Quantico. Questo è l’arco emotivo principale di Hope in questo film, questa idea di aspettativa contro realtà”.

Lilly aggiunge: Hope ha riportato sua madre dal Regno Quantico ed era molto eccitata. Penso che abbia avuto fantasie da bambina su come sarebbe stata quella riunione. ‘Mamma e io ci racconteremo tutto e saremo le migliori delle amiche e lei sarà la madre che non avevo quando avevo 13 anni.”

Poi sua madre è tornata e quello che non vediamo tra l’ultimo film e questo è che non era così aperta, non era così intima, non era così vulnerabile. Hope non può raggiungere emotivamente Janet e questo le fa male. Soffre molto perché c’è molta delusione associata alla realtà di riportare indietro sua madre rispetto a ciò che era la fantasia.

KANG IL CONQUISTATORE è probabilmente la più grande minaccia che l’MCU abbia mai incontrato, con più versioni del cattivo, ognuna più terrificante dell’altra. Conosciuto come Colui che rimane in “Loki”, questa nuova e profondamente pericolosa versione di Kang intende migliorare il suo gioco, innescando uno sforzo concertato da parte di Scott, Hope, Janet, Hank e Cassie per fermarlo prima che sia troppo tardi. Il tempo, a quanto pare, è l’arma segreta di Kang, e intende usare la sua comprensione unica di esso per conquistare mondi ben oltre il Regno Quantico.

“Pur conservando l’intimità della storia di famiglia, abbiamo deciso di voler fare davvero le cose in grande”, afferma il regista Peyton Reed. “E per farlo, avevamo bisogno di un cattivo di livello mondiale in un film come questo. Da bambino cresciuto leggendo tutti i fumetti, ho sempre amato Kang il Conquistatore. Era uno dei grandi antagonisti dei fumetti”.

Jonathan Majors, che interpreta una variante di Kang in “Loki”, veste i panni di Kang in “Ant-Man and The Wasp: Quantumania”. Dice Majors: “Penso che il film riguardi in definitiva il nostro rapporto con il tempo come esseri umani e come il tempo gioca all’interno delle nostre relazioni. Amore, amicizia, eredità: questo è ciò di cui parla la storia e ogni personaggio, da Hank a Janet a Scott, tutti ne siamo toccati e affrontiamo la minaccia o la promessa del tempo in un modo diverso”.

Secondo Reed, la chiave della performance di Majors è stata quella di abbracciare i poteri unici del personaggio. “Abbiamo avuto molte conversazioni all’inizio su come questo personaggio si sarebbe mosso e avrebbe parlato”, dice Reed. Kang è in grado di sperimentare passato, presente e futuro allo stesso tempo. Che aspetto ha? Conserva la sua energia. Non c’è un gesto o una parola sprecati, e se Kang dice qualcosa, lo intende davvero.”

Jonathan ha portato un’energia completamente diversa sul set”, continua Reed. “I film di Ant-Man sono sempre stati commedie. Mi piace avere un set davvero rilassato e divertente in modo che gli attori possano andare davanti alla telecamera e sentirsi a proprio agio provando cose strane. È uno spazio sicuro. E Jonathan è entrato come questo disgregatore – questa forza molto intimidatoria.”

Portava con sé la musica quando si è presentato sul set – sapevano che Kang il Conquistatore era lì. È stato fantastico mettere quell’energia contro l’energia di Paul Rudd, e rispecchiava quello che stavamo facendo nel film stesso. Molte persone potrebbero considerare Ant-Man il Vendicatore ‘più debole’: “Cosa può fare quel tizio? Si rimpicciolisce e parla con le formiche. È ridicolo. Mettere quel ragazzo contro Kang il Conquistatore, che è l’essere più potente del multiverso, ci è sembrato davvero eccitante”.

JANET VAN DYNE è finalmente fuggita dal Regno Quantico dopo essere rimasta intrappolata lì per tre decenni. Il suo ritorno da suo marito, Hank, e dalla loro figlia, Hope, è stato un sogno diventato realtà e Janet sta assaporando ogni momento con loro. Ma è decisamente riservata riguardo al suo tempo lontano, mantenendo la maggior parte dei dettagli segreti fino a quando non è costretta a rivelare la verità quando si ritrovano tutti nel profondo del mondo parallelo che Janet aveva sperato di non rivedere mai più.

Michelle Pfeiffer ha debuttato come Janet van Dyne in “Ant-Man and The Wasp” del 2018, ma Reed l’aveva immaginata nel ruolo per anni prima. “Quando abbiamo scelto Michelle per l’ultimo film, ero elettrizzato. In ‘Ant-Man’ c’è un breve flashback dell’era di Hank Pym/Janet van Dyne, ma potevamo vedere solo gli occhi del personaggio attraverso la maschera. Michelle era sempre il casting da sogno per quel ruolo.”

Quando è arrivato il momento del secondo film, e lei ha detto di sì, eravamo entusiasti. In questo film, Janet è essenzialmente la nostra guida turistica attraverso il Regno Quantico perché ha vissuto lì per 30 anni. Noi impareremo molto sul tempo trascorso da Janet nel Regno Quantico e sui personaggi che ha incontrato lì.

Pfeiffer ha avuto l’opportunità di espandere il personaggio, rivelando poco a poco di più sul suo tempo nel Regno Quantico e concentrandosi maggiormente sulla relazione madre-figlia. Dice Pfeiffer: “L’ultima volta che Janet e Hope si sono viste è stato quando Hope era solo una bambina. Quindi, anche se entrambe hanno cercato disperatamente di trovare la strada per tornare l’una dall’altra, non si conoscono davvero. Stiamo cercando di riconnetterci da adulti ed è una sfida”.

A complicare le cose è il fatto che vengono tutti risucchiati nel Regno Quantico. Janet ha degli affari in sospeso nel suo passato che hanno conseguenze per la famiglia”, dice Pfeiffer. “Questa è un’opportunità per loro di conoscere finalmente Janet e, piaccia o no, è tornata nel suo elemento e ha bisogno di fare ammenda per cose che pensava fossero nel suo passato”.

DR. HANK PYM ha affidato con fiducia le redini della Pym van Dyne Foundation a sua figlia, Hope, in modo che possa abbracciare un ritmo di vita più lento ora che la sua amata moglie, Janet, è tornata dopo decenni persi nel Regno Quantico. Ancora un ardente fan delle formiche, Hank tiene un elaborato formicaio nel suo seminterrato e continua ad armeggiare come farebbe qualsiasi brillante scienziato. Ha accolto Scott come parte della famiglia e ha un posto speciale nel suo cuore per la figlia di Scott, Cassie, che Hank considera una nipote surrogata, incoraggiando la sua mente curiosa e il suo spirito ambizioso.

Michael Douglas, che torna nell’MCU come patriarca dei Pym, afferma che Hank ha assunto un atteggiamento più rilassato man mano che la nuova storia prende il via. “È semi-pensionato, si gode la bella vita”, dice Douglas. “È felice di riavere sua moglie e si rende conto nel corso della storia di quanto sia capace e di quanto debba aver lavorato duramente per sopravvivere laggiù nel Regno Quantico per 30 anni”.

Secondo Douglas, il legame tra Hank e Janet è piuttosto speciale. “La loro relazione si estende al loro matrimonio e alla loro carriera”, dice. “Non molte persone sono in grado di farcela. È certamente una relazione equa: ognuno di loro ha i propri punti di forza e di debolezza”.

Il regista Peyton Reed afferma che la chimica del duo è iniziata molto tempo fa.Hank e Janet hanno una storia”, dice. “È iniziato nei fumetti originali negli anni ’60: erano membri originali dei Vendicatori. In effetti, è stata Janet a chiamarli Vendicatori. Sebbene l’MCU sia andato in una direzione diversa con quei personaggi, volevo onorare la loro importanza, sia nell’Universo Marvel, che come coppia funzionante di supereroi che hanno una curiosità scientifica condivisa.”

“Le domande in questo film sono come si sta adattando Hank al ritorno di Janet e come si sta adattando lei al ritorno”, aggiunge Reed. Hank si è un po’ addolcito, sembra aver trovato un po’ di pace ora che si sono riuniti. Ma il film presenta alcune serie complicazioni poiché i suoi segreti mettono un po’ alla prova la relazione. Ne hanno passate tante insieme, nonostante tutto ciò che viene lanciato contro di loro in questo film, sono una coppia molto solida”.

CASSIE è cresciuta con un sincero desiderio di rendere il mondo un posto migliore per le generazioni future. Come suo padre, Scott, Cassie è testarda, indipendente, leale e amorevole: combatte duramente per ciò in cui crede e per chi, anche se questo significa mettersi in pericolo (o in prigione). È grata di riavere suo padre nella sua vita, insieme a Hank, Janet e Hope, con cui ha un legame speciale. Ma Scott vede ancora Cassie come una bambina e non ha tempo per questo.

La dinamica padre-figlia è stata una parte importante della nuova storia. Dice Reed: “Volevo davvero esplorare la relazione tra Scott e Cassie. Come si relaziona Scott con lei ora che è adulta? Cassie è un’idealista: vuole fare del bene nel mondo, ma sta ancora cercando di capire cosa questo significa per lei. Sta cercando di trovare la sua voce da giovane donna. Può essere piuttosto critica nei confronti di suo padre, quindi ci siamo divertiti con un po’ del divario generazionale tra padre e figlia in questo film”.

Kathryn Newton è stata scelta per il ruolo della diciottenne Cassie. Kathryn ha carisma. È un’atleta e una giocatrice di golf straordinaria”, afferma Reed. “E lei può stare con [Paul] Rudd. Volevo essere in grado di fare le cose sceneggiate e lasciarli liberi di fare un po’ di improvvisazione. In termini di rapporto tra questi due attori, è stato fondamentale per il film, e Kathryn è fantastica.”

Newton aveva immaginato un ruolo come Cassie per più di un decennio. “Il primo film Marvel che ho visto è stato ‘Iron Man’ con mio padre, e penso che abbiamo fatto dei film sui supereroi la nostra passione”, dice l’attrice. “Non ricordo quanti anni avevo, ma mi vedo ancora al cinema con mio padre che riceveva popcorn dicendogli che sarei diventata un supereroe”.

Anni dopo, Newton ha trovato la sua strada nell’MCU, ma ha dovuto tenerlo segreto per mesi. “Alcuni segreti sono molto più divertenti quando sei l’unico a conoscerli”, dice. “Ricordo l’annuncio: ero seduta sul mio letto con i miei cani, ed era il mio compleanno. Allora tutti lo sapevano. Ho ricevuto molti messaggi quel giorno, non ho mai ricevuto così tanti messaggi per il mio compleanno.”

JENTORRA è il leader forte e rispettato dei Freedom Fighters, un gruppo di abitanti sfollati nel Regno Quantico le cui vite sono state sconvolte da Kang. Non ha tempo per Scott, Cassie e i loro problemi e, peggio ancora, la loro sola presenza mette in grave pericolo l’equipaggio di Jentorra.

Katy O’Brian, che ha lavorato con il regista Peyton Reed in “The Mandalorian”, è stata scelta per interpretare la potente e implacabile guerriera che è tra i primi residenti del Regno Quantico che gli spettatori incontreranno. “Ci sono esseri viventi in questo mondo e Jentorra è un nativo”, dice. “Esplorerai molte delle diverse colonie e i diversi gruppi di persone che abbiamo qui: l’uomo broccolo è il mio preferito. Abbiamo personaggi che fluttuano, abbiamo blob, abbiamo lettori della mente tutti i tipi di buffi creature e umanoidi e cose misteriose.”

Gli abitanti del mondo subatomico sono indubbiamente irresistibili, tuttavia, la maggior parte sta subendo l’ira di Kang il Conquistatore. “Siamo costantemente in movimento, costantemente in fuga, nascondendoci e cercando di reagire e reclamare la nostra patria”, afferma O’Brian, che ha lavorato lei stessa nelle forze dell’ordine per diversi anni. “Stiamo combattendo una battaglia persa: ha molte più persone, siamo in inferiorità numerica, senza armi. Ma c’è un po’ di speranza a cui dobbiamo aggrapparci”.

LORD KRYLAR è il governatore di Axia, una bizzarra e comoda comunità all’interno del Reame Quantico. Chiamalo codardo o egocentrico, Krylar si gode senza scusarsi la bella vita che il suo status gli garantisce: pasti costosi, cocktail esotici e trasporto di prim’ordine a bordo del suo enorme yacht da diporto. Sembra che lui e Janet siano vecchie conoscenze ma i dettagli sono vaghi e lei vorrebbe che continuassero così. Bill Murray interpreta Lord Krylar.


SEGUITECI ANCHE SUL NOSTRO PROFILO TWITTER, SU CUI PUBBLICHIAMO LE PIÙ IMPORTANTI NOTIZIE DEL MONDO NERD!


Cosa ne pensate? Avete hype per Ant-Man and the Wasp: Quantumania?

Fonte: Marvel Studios Spoilers

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *