Marvel

SECRET INVASION – IL REGISTA SI ESPRIME SUL FINALE DI SERIE! (2023)

Secret Invasion era un progetto per cui i fan del Marvel Cinematic Universe avevano molto hype, ma la serie non ha soddisfatto le aspettative. 

I primi episodi sono piaciuti al pubblico, ma più ci si avvicinava al finale e più si creavano troppe incertezze, troppi dubbi. 

⚠️ ATTENZIONE: ALLERTA SPOILER SU “SECRET INVASION” ⚠️

Il sesto episodio di Secret Invasion è diventato il progetto del MCU con il punteggio più basso di sempre su Rotten Tomatoes ed ha lasciato troppe domande senza risposta

Secret Invasion

PER RESTARE SEMPRE AGGIORNATI SU TUTTE LE NEWS, SEGUITE IL NOSTRO CANALE TELEGRAM!


IL REGISTA DI SECRET INVASION

Il regista di Secret Invasion, Ali Selim, ha recentemente svolto alcune interviste in occasione del finale di serie. 

La prima intervista è stata con Variety, in cui è stato fermamente richiesto ai giornalisti di non rivolgere alcuna domanda sulla sigla della serie tv, realizzata con l’intelligenza artificiale. 

Ali Selim prima di tutto ha parlato del significato che Secret Invasion ha avuto per lui:

Il tema che mi interessava in queste sceneggiature e in questa storia era il tema dell’altro. Come affrontiamo l’altro nel nostro quartiere? Come affrontiamo l’altro in noi stessi? Come riconciliare l’amore che non sembra rientrare in una scatola socialmente accettabile? Sam Jackson e io abbiamo discusso molto di questo; Kingsley Ben-Adir e io abbiamo discusso molto di questo.

Ali Selim

Ha poi continuato:

Alla fine, la scena per cui ho spinto e che mi è piaciuta molto è quella in cui Nick Fury bacia Varra alla fine. Questo è liberare il senso di “altro” in se stesso che è stato un vincolo o un pregiudizio. Apre il mondo alla conversazione, se non proprio all’amore e all’abbraccio. È l’ultima scena della serie e sembra proprio che si tratti di questo.

Ali Selim

Il regista ha poi anticipato che questo potrebbe essere solo il finale di stagione e non di serie:

Oh, sì, direi finale di “stagione”. Chi lo sa, giusto? Non so nulla della seconda stagione. Penso che ci siano degli ottimi thread che potrebbero essere risolti. Ma c’è una seconda stagione? Non ne ho idea.

Ali Selim

Selim ha poi commentato il fatto che la durata degli episodi di Secret Invasion è gradualmente diminuita:

È solo un’esplorazione pratica e l’evoluzione pratica di una storia. Viene scritta in un modo; gli attori iniziano a recitarla e diventa qualcosa di leggermente diverso; e quando si inizia a filmare le performance, diventa qualcosa di leggermente diverso; e poi quando si va a montare, ci si riallinea.

Non voglio farne una cosa pratica da scuola di cinema, ma alla fine si guardano i tagli e si dice: “È troppo lungo.” “Non è focalizzato.” Sembrava bello sulla pagina, suonava bene sul set, ma non aiuta la nostra storia a questo punto.

E c’è anche un certo senso di accelerazione verso un finale esplosivo, che a mio avviso significa andare più veloce, non più grande e più gonfio.

Ali Selim

Il regista ha poi chiarito che non è mai stata considerata la possibilità di rendere Secret Invasion un film o uno speciale:

È un’ottima domanda. Quando sono arrivato a bordo, i copioni erano già stati scritti e si parlava di sei episodi. Quindi, non lo so. So che a un certo punto “Armor Wars” è passato da una serie a un film per varie ragioni che non conosco.

Ali Selim

Ali ha poi commentato le recensioni negative di Secret Invasion:

Oh, non leggo le recensioni. Con tutto il rispetto. Per me, tutto il lavoro di narrazione che faccio è un dialogo con il pubblico. Quando lo spettacolo è finito e messo sullo schermo, quella è la mia metà del dialogo. E il pubblico inizia la sua parte di risposta.

Credo che questo sia prezioso, ma non lo so. Non so come rispondere alla domanda. Non mi sento in colpa per le recensioni contrastanti. Se le recensioni fossero unanimemente positive, ogni film incasserebbe 10 miliardi di dollari, un trilione di dollari, no?

Ali Selim

Ha poi continuato:

I progetti risuonano con persone diverse in momenti diversi e per motivi diversi, e la Marvel ha una base di fan molto devoti, persino rabbiosi, che hanno delle aspettative e quando queste non vengono soddisfatte, si muovono nella direzione opposta; danno un pollice in giù.

Non so, il nostro compito è quello di soddisfare le loro aspettative? O raccontare la storia che stiamo raccontando? Quindi, è una cosa complicata. Mi piacerebbe che tutti lo amassero, ma io stesso non ho questa aspettativa, quindi mi sento bene per quanto riguarda la risposta alla serie.

Ali Selim
Secret Invasion

Selim ha poi parlato della realizzazione del combattimento tra G’iah e Gravik:

È interessante: sono entrambi attori stellari che portano molta elettricità e, nella maggior parte dei casi, in modi molto silenziosi. Alcune delle scelte più sottili di Emilia Clarke mi commuovono profondamente. Penso che non possa sbagliare.

Quando si arriva a una scena di combattimento pesantemente coreografata, a una sequenza di bombardamenti o a un’imboscata, è divertente, no? Gli attori dicono: “Ok, oggi non devo dare il massimo. Devo solo essere un bambino di 12 anni che si dondola da una corda.”

Ali Selim

Ha poi aggiunto:

Quindi, c’è molto divertimento in quei momenti e c’è molto pericolo. Ma non è così significativo o risonante dal punto di vista emotivo come il momento tranquillo dell’episodio 5 in cui lei e Nick Fury discutono della morte di Talos.

Le sequenze di combattimento diventano matematiche, meccaniche, precise. “Ce l’abbiamo fatta?” “Sì. Andiamo avanti.” Il tutto si risolve in un secondo momento nel montaggio, e allora ci si congratula per la matematica e la meccanica; non ci si congratula per la risonanza emotiva.

Ali Selim

Il regista ha poi parlato di come sono stati scelti i poteri che avrebbe avuto G’iah come Super Skrull:

Beh, in parole povere, viene da Kevin Feige, che ha detto: “È tutto lecito.” Questo è espresso al meglio nel momento in cui Gravik prende la fiala da Nick Fury, la mette nel computer dove viene analizzata e vediamo tutti i superpoteri puri di sempre.

È il momento in cui pensiamo: “Ok, questo sarà qualcosa.” Abbiamo fatto lo storyboard di queste sequenze per un mese. Ci hanno lavorato due storyboard artist: Aaron Sowd a Los Angeles, che è un fanatico della Marvel, e Ian McCaffrey a Dublino, in Irlanda, che è un po’ più coreografo e meno coinvolto nel MCU.

Ali Selim

Ha poi dichiarato:

Insieme hanno trovato un ritmo tra superpoteri con un significato e superpoteri con coreografie ed eleganza. Poi gli storyboard passano agli stunt, e gli stunt si rendono conto che alcuni di quei movimenti sono impossibili da fare.

E poi passano agli effetti visivi che dicono: “So che questo è ciò che avevamo pianificato, ma sembra strano, quindi passiamo da questo braccio a un altro braccio, perché vogliamo che sia più elegante.” Quindi, le decisioni spettano a Kevin Feige, poi alla storia e infine alla praticità.

Ali Selim

Quando gli è stato chiesto se il camice che indossa Rhodey nel finale fosse un indizio che il personaggio è stato uno skrull da Captain America: Civil War, il regista ha semplicemente risposto con “sì.” 

Selim ha poi parlato di com’è stato lavorare con Don Cheadle, interprete di Raava e di Rhodey nella serie:

Molto è dovuto al brillante senso della logica, alla specificità e all’abilità recitativa di Don Cheadle. La cosa di Raava è stata semplicemente, c’è stato un punto all’inizio in cui stavamo progettando gli Skrull e abbiamo fatto il commento: “Uno Skrull sceglierebbe un umano che ha i suoi tratti facciali?” Se io fossi un po’ così come uno Skrull, perché dovrei nascondermi e trovare un umano che mi assomigli?

Quindi, ci siamo discostati da questa idea e abbiamo detto che dovevamo mostrare che, in molti casi, queste persone si nascondono in un guscio umano e scelgono una razza completamente diversa, un’età diversa e, perché no, un sesso diverso?

Perché uno Skrull femmina non potrebbe diventare un umano maschio? Ecco da dove è nata l’idea: cerchiamo di essere intelligenti nel modo in cui si nascondono. Da lì, è stato Don Cheadle a riempire i dettagli di ciò che avrebbe significato per lui. È brillante.

Ali Selim

Quando gli è stato chiesto se vorrebbe dirigere un altro progetto per i Marvel Studios, ha risposto:

Onestamente, ho lavorato allo show per 28 mesi e in questo momento sto solo pensando al pranzo e magari a un giro in bicicletta o qualcosa del genere. Ma mi ha profondamente commosso lavorare con Olivia Colman ed Emilia Clarke, e questa cosa che viene lasciata in sospeso alla fine del sesto episodio mi ispira molto. Quindi, vedremo dove andrà a parare.

Ali Selim

Intervistato da The Wrap invece, Selim ha rivelato di essere comunque soddisfatto anche se G’iah e Sonya non dovessero tornare nel MCU:

Per me, il momento tra Olivia Colman e Emilia Clarke, tra Sonya e G’iah alla fine, penso che prepari qualcosa di veramente potenzialmente interessante. Ma penso che sia anche una bella risoluzione della storia. E se non dovessero più comparire nel MCU, mi sentirei appagato.

Ali Selim
Secret Invasion

Intervistato da Entertainment Weekly, il regista ha parlato della conversione tra Nick Fury e Gravik all’inizio del finale di Secret Invasion:

Ricordo due grandi attori che si ritrovano in una situazione che dovrebbe sembrare una scazzottata, ma che in realtà si concentra sul senso di colpa, sul dolore e sulle scuse, cose a cui non si pensa nel MCU. Si pensa solo alla forza bruta.

E qui ci sono due uomini che ammettono la loro vulnerabilità e due uomini che ammettono di essersi amati e di essersi disamorati a causa di promesse non mantenute.

È diventata una resa dei conti molto più delicata perché si trattava delle loro teste e delle loro grandi idee, ma anche dei loro cuori infranti e delle loro promesse non mantenute. È stata un’esperienza davvero unica per me. Adoro lavorare su questo genere di cose, ma credo che sia stata un’esperienza davvero unica per il MCU.

Ali Selim

Selim ha poi chiarito nuovamente che Kevin Feige ha deciso di utilizzare i poteri degli Avengers nella battaglia contro Gravik:

La parola è arrivata da Kevin Feige: “Usali tutti.” Il bello è vedere questi poteri rivelarsi non solo al pubblico, ma anche a G’iah, che è un po’ ignara di avere tutti questi poteri. Sapeva di avere un potere, ma non esattamente come e quando usarlo, e perché funziona meglio per lei, una donna forte e potente, piuttosto che per un uomo illuso. Ma in termini di lessico del MCU, Kevin ha detto: “È tutto lecito.” Lo si vede quando Gravik mette la provetta nella macchina e vede tutti i nomi lì.

Ali Selim

Quando gli è stato chiesto se c’era un potere in particolare che voleva includere, Ali ha risposto:

Per me era più importante il modo in cui i personaggi gestiscono il loro potere. Per quanto mi piacciano i film della Marvel, sono un tipo che risponde di più ai superpoteri di persuasione, negoziazione ed empatia di Nick Fury.

Li capisco più di quanto non capisca i muscoli. Quindi, non sono la persona più adatta a cui fare questa domanda, ma posso dirvi che eravamo in sala di montaggio con molte persone che stavano perdendo la testa per questo o quel potere.

Ali Selim

Il regista ha poi commentato la storia d’amore di Nick Fury e Varra:

È proprio il tema dell’altro che mi ha attirato nella serie. Gli Skrull vengono da un altro luogo. Nick Fury ha vissuto la sua esperienza di crescita in America. Sam Jackson ha avuto la sua esperienza di crescita in America, in un periodo molto instabile. Penso che abbiamo sempre a che fare con questo senso di altro, come: “Chi è come me e chi non è come me?”

C’è una confusione che Nick può avere, amando qualcuno che non è come lui, e nell’episodio 6 ne viene a capo in un modo davvero bello. Voglio dire, c’è Sam Jackson che bacia una maschera di lattice, ma è anche Nick Fury che si confronta con il suo senso dell’altro e con il modo in cui si è innamorato di questa persona.

È giusto? Non è giusto? Non so se lui lo sa. Ma alla fine non importa, perché in quel bacio l’amore vince su tutto. È una grande lezione per tutti noi e, se la ascoltassimo davvero, potrebbe porre fine a guerre e conflitti. Non la ascoltiamo perché fa paura. E credo che il rapporto tra Priscilla/Varra e Nick Fury sia davvero il cuore della serie.

Ali Selim

Selim ha poi parlato dellla paranoia scatenata dal presidente degli Stati Uniti dopo aver scoperto l’esistenza degli Skrull:

Beh, credo che Ritson possa dire: “Gli Skrull sono i benvenuti qui”, che è un grande messaggio, ma non un grande dramma. Nick Fury deve avere una certa opposizione quando lasciamo la serie. Anche se lui se ne è fatto una ragione, non so se sia realistico pensare che tutti se ne siano fatti una ragione.

Credo sia importante mostrare che il senso dell’altro può creare un senso di conflitto. La scelta era: Vogliamo un finale alla Pollyanna o vogliamo un finale con un po’ di coraggio? L’idea è che questa battaglia possa continuare. Ma Sonya e G’iah si riconciliano alla fine e forse riusciranno a sistemare le cose. Forse queste due donne belle e forti entreranno in scena e sistemeranno le cose.

Ali Selim

Selim ha poi parlato di quanto abbia comunicato col team di The Marvels per concordarsi su alcune scelte su Fury:

Il mio lavoro consiste nel raccontare questa storia all’interno di questa scatola, in questi sei episodi. Faccio del mio meglio per non confondere me stesso o il pubblico con cose al di fuori della scatola. Ma ci sono anche momenti in cui Nick Fury deve finire qui, in modo che il prossimo film in cui sarà presente funzioni. Penso che abbiamo fatto un buon lavoro nel lanciare Nick Fury.

Ali Selim

Ha poi parlato delle morti di Talos e di Maria Hill in Secret Invasion:

Non so cosa succederà a Maria Hill o a Talos. Sono morti. Uno è bruciato e l’altra è sepolta. Ma nel MCU tutto può accadere. Quindi, dove andranno a finire? Non lo so. Ma credo che ci sia una certa dose di conforto nel vedere Sonya e G’iah trovare un accordo.

Si può vedere come un cliffhanger per i futuri progetti del MCU, oppure come una bella risoluzione di questa storia. Ma sì, abbiamo avuto delle conversazioni, ma non qualcosa di più: “Come posso aiutare a organizzare il tutto?”

Ali Selim

In un’intervista con ComicBook invece, Ali Selim ha parlato delle scene eliminate dalla serie:

Ci sono molte cose che non vengono tagliate, e per me è vero che in ogni storia che si racconta si continua a esplorare il modo migliore per raccontarla.

E parte di questo modo migliore di raccontare la storia significa girare certe cose e poi alla fine non usarle perché sono troppo importanti per la storia, o non c’è bisogno di saperlo, o diluiscono il senso della storia.

Quindi abbiamo girato molte cose che non sono finite nello show finale, ma tutto ciò che posso dire è che non funzionavano davvero, o non funzionavano davvero per il ritmo dello show.

Ali Selim

Ha poi rivelato nello specifico:

L’unica cosa che abbiamo cercato di inserire è che Ben Mendelsohn è un tipo molto musicale e usa la musica per entrare nel momento e concentrarsi sulla scena. Spesso arriva sul set con uno stereo portatile a tutto volume.

Molte volte, quando gli chiediamo di spegnerlo, continua a cantare quella canzone e sale addirittura sul set, in macchina, sul vagone ferroviario, e continua a cantare quella canzone.

Ci sono stati momenti in cui Sam si è unito a lui in una vecchia hit della Motown, e abbiamo avuto entrambe le parti che cantavano una vecchia hit della Motown. E abbiamo cercato di inserirlo.

Ma ci sembrava che con tutte le torture e il caos e l’umanità e la terra in gioco, perché questi due ragazzi avrebbero dovuto cantare una vecchia Motown? Quindi cose del genere. E le altre cose, come ho detto, non servivano alla storia.

Ali Selim
Secret Invasion

SEGUITECI ANCHE SULLA NOSTRA PAGINA INSTAGRAM PER RIMANERE SEMPRE SUL PEZZO!


IL FUTURO DEL MCU DOPO SECRET INVASION 

Senza dubbio, Secret Invasion ha totalmente deluso le aspettative dei fan. Però, la serie si collegherà a molti progetti del MCU in futuro, come The Marvels o Captain America: Brave New World. 

Pochi giorni dopo la conclusione della serie è stato rilasciato il trailer di Loki: Stagione 2. I fan lo hanno apprezzato, ma dopo le numerose delusioni delle serie tv del Marvel Cinematic Universe, molti preferiscono tenere basse le proprie aspettative. 

Secret Invasion

Voi cosa ne pensate? Vi è piaciuta Secret Invasion? Cosa ne pensate del finale?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *