BABYLON – LA NOSTRA RECENSIONE! (2023)

A 6 anni di distanza da La La Land, Damien Chazelle ritorna sul grande schermo per parlare sempre di arte. Molto diversi entrambi, ma questi film sono tratti dallo stesso schema tematico. Sarà riuscito Chazelle nell’ardua impresa di raccontare un epoca così affascinante quanto marcia e oscura? Scopritelo nella recensione di NerdAlQuadrato!

Chi ci segue sa già che la recensione di Babylon sarà divisa in diverse categorie: la parte no-spoiler, parte spoiler, la parte dedicata ai personaggi e al cast, un ulteriore all’aspetto tecnico e infine l’opinione finale con voto.

Babylon

PER RESTARE SEMPRE AGGIORNATI SU TUTTE LE NEWS, SEGUITE IL NOSTRO CANALE TELEGRAM!


Recensione No-Spoiler

A soli dodici anni dal suo debutto nel lungometraggio Guy and Madeline on a Park Bench, lo scrittore e regista Damien Chazelle ha avuto una fulminea ascesa al successo. Ha diretto due film originali che sono entrati immediatamente nel canone dei cinefili, Whiplash e La La Land, e detiene il titolo di più giovane vincitore di sempre dell’Oscar per la miglior regia. Sebbene il suo film biografico su Neil Armstrong, First Man, non abbia riscosso le stesse lodi e lo stesso successo nella stagione dei premi, la sua rappresentazione sentimentale del primo sbarco sulla Luna ha dimostrato la sua più ampia portata come narratore.

Per dirla in breve, non c’è nessuno più in voga dell’uomo che ha quasi da solo rilanciato il prestigio del musical cinematografico. Ora Damien Chazelle sfodera tutti i suoi muscoli in Babylon, una mostruosa e ambiziosa epopea storica sulla Hollywood classica. Un’esperienza selvaggia piena di un amore apparentemente infinito per il cinema, Babylon vi afferrerà per l’immaginazione e non vi lascerà più andare.

Nelle sue oltre tre ore di durata, Babylon si muove nella storia della prima Hollywood e presenta un piccolo gruppo di personaggi, seguendo le loro sfide mentre l’industria passa dal cinema muto a quello parlato e il mondo come lo conoscevano crolla. Il protagonista Manny Torres, un aspirante regista messicano-americano interpretato da Diego Calva, ci viene presentato durante la preparazione di una festa in una casa di lusso degli anni Venti a Hills, dove lavora per prendersi cura dei numerosi ospiti di alto livello.

Qui, Manny si scontra con una mina vagante e con Nellie LaRoy (Margot Robbie), una star naturale che si autodefinisce tale, dando inizio a una storia d’amore che durerà per tutto il film.

Quando LaRoy viene portata via per il suo primo ingaggio cinematografico e diventa una superstar, Manny si guadagna il favore della più grande star del cinema di quell’epoca, Jack Conrad (Brad Pitt), e si guadagna un posto in prima fila per assistere al dramma della produzione cinematografica quando l’avvento del sonoro arriva a bussare. Lungo la strada, Manny e Nellie incrociano il trombettista jazz afroamericano Sidney Palmer (Jovan Adepo), la giornalista di settore Elinor St. John (Jean Smart) e l’attrice asiatico-americana Anna May Wong (Li Jun Li). Come un’onda ruggente di paura, eccitazione e tutto quello che c’è in mezzo, questa nuova era cambia tutto a Hollywood – e Babylon vi porta con sé per il viaggio.

I gusti mutevoli fanno sì che Hollywood debba abbandonare le orge di droga e sesso di un tempo per un’aura di pretesa e formalità, al fine di ottenere il rispetto della società. Quando questa società chiede ai nostri personaggi di vendere la propria anima per trovare il successo, cosa succede dopo? Chazelle esplora questa domanda in vari modi attraverso l’ensemble del film, gettando una lente sprezzante sulle conseguenze sessualmente repressive, razzialmente discriminatorie, di grave sfruttamento e altrimenti violente di questo cambiamento di paradigma. In questo modo, Babylon non riguarda necessariamente solo la Hollywood di un tempo, ma anche quella di oggi e di domani.

Una sfida evidente di Babylon è stata quella di evitare la glorificazione dello squallido ventre di Hollywood. Realizzati attraverso un elegante lavoro di macchina da presa e uno splendido design di produzione, gli house party della Hollywood pre-sound sono vivaci ed elettrici. Damien Chazelle si diverte come sempre con il direttore della fotografia Linus Sandgren in Babylon, muovendo la macchina da presa in elaborati one-take su più piani di ville caotiche.

Tuttavia, nonostante l’euforia, la realtà di queste feste è che non è tutto sfarzo e glamour. Ma proprio come in Whiplash, dove si rifiuta di prendere per mano gli spettatori, Chazelle lascia che siano gli spettatori a giudicare, concentrandosi invece sui puri archi emotivi dei personaggi.

Per alcuni, la più grande forza del film sarà anche la sua più grande debolezza. Essendo un film sul cinema, tra le altre cose, Babylon passa gran parte del suo tempo a sviscerare il significato dei film per le persone che li producono e per quelle che li guardano. Forse il più grande sintomo di questo, il film ha più della sua parte di monologhi appassionati di cinema. A ogni passaggio di scena, uno dei tanti personaggi di Chazelle si esprime con una lunga tiritera su quanto siano belli i film e su cosa significhino per le persone.

Sebbene non siano particolarmente fuori luogo, questi momenti evocano reazioni che vanno dalla profondità ammirativa al “Sì, abbiamo capito. Vi piacciono i film”. Tuttavia, quando i suoi personaggi iniziano a giocare nel mondo del cinema parlato, Babylon cerca di confrontarsi con la natura del cinema come forma d’arte.

Le questioni del kitsch e dell'”arte minore” contrappongono il cinema alla reputazione del teatro classicamente rispettato, ma Damien Chazelle trascorre l’intera durata di Babylon dipingendo un ritratto di persone le cui vite sono così profondamente intrecciate con il loro amore per il cinema che la risposta è impressa in ogni fotogramma.

Voto: 9/10

Babylon

Recensione Spoiler

Lo sguardo ossessionato dal cinema di Chazelle giunge al culmine del film, nella scena forse più indulgente di sempre, che riunisce tutto il cinema in un’unica sequenza? È difficile stabilire se sia necessariamente meritata o meno, e più di ogni altra scena a memoria recente viene da lontano. Tuttavia, l’impressione che lascia è notevole e inequivocabilmente azzeccata, ricontestualizzando Babylon dall’esperienza dei suoi personaggi a quella della società e del cinema stesso.

Come se il resto del film non fosse abbastanza, questa scena da sola vi lascerà gli occhi e le orecchie con un sovraccarico sensoriale: una chiusura fortemente commovente che in qualche modo riesce a incarnare la sensibilità di Chazelle come regista. Babylon lavora due volte per trovare il suo posto nella filmografia di Damien Chazelle accanto ad alcuni dei finali più famosi della storia del cinema – e se lo merita.

Babylon

Personaggi e Cast

Il Jack Conrad di Brad Pitt è un attore che sta invecchiando e perdendo il contatto con la sensibilità popolare. Non che Pitt sia in procinto di andare in pensione, ma sembra che qui stia attingendo a qualcosa di vero, temendo di perdere il successo e il talento che definiscono il suo posto nella città più magica del mondo. C’è un sapore naturale di ego sicuro e senza sforzo che caratterizza il suo viaggio nei panni del famoso Jack Conrad e che si traduce in un’incomparabile presenza sullo schermo tra i membri dell’ensemble.

Margot Robbie gode di una gravitas intrinseca simile, attirando gli sguardi ogni volta che è sullo schermo con la sua interpretazione sgargiante di una superstar bella e talentuosa in ascesa. Anche per lei è difficile separare Nellie LaRoy dall’australiano che l’ha portata in vita. D’altro canto, Diego Calva offre l’interpretazione più complessa e stratificata del gruppo, anche se il suo personaggio più tranquillo e umile non riesce a reggere il confronto con una schiera di attori famosi che interpretano attori famosi.

Per Calva, Babylon è una storia che riguarda la costruzione di un nome per se stesso, sia dal punto di vista narrativo che meta testuale, ma è difficile riconoscere il suo lavoro quando è abbinato a star di fama così eclatante.

Babylon

Aspetto tecnico

La potente colonna sonora di Babylon contribuisce a sottolineare questa dualità senza tempo di tempo e luogo. La caduta dell’ago di “Night on Bald Mountain” con un’orchestra dal vivo che suona per eserciti in lotta fa sentire il film più grande che mai, e l’apparizione della canzone “Singin’ in the Rain” colloca Jack Conrad dietro le quinte della Hollywood Revue del 1929, dove la MGM faceva cantare e ballare tutte le più grandi star su questo classico, prima che Gene Kelly prendesse in considerazione l’idea di dondolarsi attorno a un palo del lampione.

Anche quando la musica originale è presente all’interno della scena, il compositore Justin Hurwitz, collaboratore di Damien Chazelle da una vita, realizza la colonna sonora in modo da avere un piede sia nel passato che nel presente, con una strumentazione classica da big band che si appoggia alla sensibilità moderna. Per iniettare ulteriore energia nel caos drogato di questo mondo realizzato, le influenze hip-hop ed EDM si intrufolano nel mix e aggiungono un calcio thwump-thwumping alla vita notturna di Babylon che si avvicina anche ai nostri gusti del XXI secolo.

Babylon

Opinione finale con voto

Nel bene e nel male, Babylon è un film molto più attento ai sentimenti e all’esperienza che alla trama e alla storia. Si tratta di un racconto di proporzioni epiche e, come tale, alcuni fili sono lasciati sottosviluppati con un potenziale inespresso, ma la maggiore presenza e la scala del film lasciano l’impressione di un mondo abitato al di là dei tagli e dei bordi dell’inquadratura. Babylon è il film che più si avvicina a uno slice-of-life di Damien Chazelle, ma non riesce ad abbassare il suo ritmo alla qualità distillata e serpeggiante di quel genere.

Nonostante i suoi flussi e riflussi che richiedono livelli diversi di interesse da parte del pubblico, il terzo atto di Chazelle, realizzato in modo esplosivo, è sicuro di emozionare e sorprendere, con Tobey Maguire al centro della scena nei panni di uno sciocco ragazzino che si dà il caso sia un boss degli ultimi circoli clandestini di Los Angeles.

Se visto come un pezzo di accompagnamento di La La Land e Whiplash, Babylon è uno sguardo molto meno asettico sull’arte e un’immersione più profonda nella stessa Hollywood, anche se condividono molte delle stesse idee e lo stesso fervore verso gli sforzi creativi e l’identità. Alcuni spettatori attenti riconosceranno queste somiglianze quando sentiranno i resti musicali di “Someone in the Crowd” nelle numerose riprese di Justin Hurwitz dello standard originale “Gold Coast Rhythm”, nonostante il compositore neghi ogni omaggio intenzionale.

Catturando alcune delle immagini più grottesche della sua carriera, Chazelle realizza un film che disprezza la città di cui è innamorato. Il film è pieno di cose da fare e, probabilmente, è un po’ troppo “martellante”, ma il suo enorme cuore pulsante vi lascerà a bocca aperta. In una riflessione ironica sul fatto che “tutta l’arte aspira alla natura della musica”, Damien Chazelle sembra giustificare la sua confusione con l’arte e la creatività. Babylon è perfetto? Forse no, ma nemmeno Hollywood lo è.

“Più grande è il sogno, più è alto il prezzo”.

Voto: 9/10

Babylon

SEGUITECI ANCHE SUL NOSTRO PROFILO TWITTER, SU CUI PUBBLICHIAMO LE PIÙ IMPORTANTI NOTIZIE DEL MONDO NERD!



SEGUITECI ANCHE SUL NOSTRO PROFILO TIKTOK, IN CUI PUBBLICHIAMO EDIT E VIDEO NEWS, A TEMA MARVEL!


Cosa ne pensate? Vedrete Babylon?

Cliff

Amante della settima arte, cinefilo in tutto e per tutto ma sempre disposto a conoscere cose nuove. Amo particolarmente il cinema di James Gray e Taylor Swift, i cinecomic Marvel sono la mia kryptonite 👀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *