CHERNOBYLITE – LA NOSTRA RECENSIONE! (2022)

Sviluppato da The Farm 51, Chernobylite è un RPG di stampo survival-horror che mischia questi due generi in maniera minuziosa e ottima, dove il giocatore vestirà i panni di Igor, un giovane fisico che lavorava nella centrale nucleare di Chernobyl, e che dopo 30 anni decide di tornare nel luogo dell’incidente per cercare risposte su un mistero che lo tormenta da decenni.

Chernobylite

PER RESTARE SEMPRE AGGIORNATI SU TUTTE LE NEWS, SEGUITE IL NOSTRO CANALE TELEGRAM!


Storia Chernobylite

Come scritto nell’introduzione della recensione, in Chernobylite vestiremo i panni di Igor, un giovane fisico ucraino che lavorava nella centrale nucleare di Chernobyl il giorno del disastro, avvenuto il 26 Aprile 1986, e che dopo 30 anni decide di tornare dove tutto è iniziato in cerca di risposte riguardo la scomparsa di sua moglie, Tatyana, imbarcandosi in un’avventura tra l’horror e il paranormale.

Quello che più ci ha colpito non è stata la storia in sè (comunque di buona qualità), ma le grosse conseguenze che le azioni del giocatore hanno nel proseguire del racconto. Uccidere o risparmiare un NPC, scegliere le risposte sbagliate nel momento sbagliato e mandare in spedizione membri del team non adatti può causare seri danni alla salute del giocatore, sia fisica che mentale.

Potete addirittura perdere skill acquisite in precedenza, se non fate attenzione. L’immersività è aumentata anche dall’ottimo doppiaggio in lingua russa (ovviamente sottotitolata, anche in italiano), mentre il doppiaggio inglese non ci ha convinto molto, ed è decisamente meno immersivo rispetto all’altissima qualità del russo. In fin dei conti, abbiamo trovato la campagna ben scritta, e ci ha tenuto incollati allo schermo per tutta la sua durata.

Chernobylite
Chernobylite

Gameplay

Il gameplay del gioco propone alcune feature molto ben realizzate, come le scelte da effettuare (descritte nel paragrafo precedente) e vari elementi ruolistici decisamente apprezzati durante la nostra avventura. Il gioco è basato su un materiale noto come Chernobylite (da qui il titolo). Questa sostanza si è formata dopo il disastro nucleare e dà la possibilità di viaggiare nel tempo e nello spazio. A causa di questa sostanza, però, sono spuntate anche misteriose creature mostruose che rendono il viaggio nella zona di esclusione ancora più terrificante. Nel gioco dovranno essere affrontati due tipi di nemici: i mostri e i paramilitari dell’NRG.

Chernobylite
Chernobylite

Il combattimento ci ha soddisfatto pienamente, e il roster di armi include i classici fucili, pistole ecc., ma anche armi inedite basate sulla Chernobylite. Inoltre, tutte le armi possono essere completamente personalizzate e il numero di accessori disponibili è parecchio elevato e ben sviluppato. Ad esempio, possiamo trasformare un AK-47 in un vero e proprio cecchino, così da poter abbattere silenziosamente anche nemici molto lontani. Un altro punto a favore del gameplay è la possibilità di modificare la difficoltà di singole parti di gioco, come il combattimento, l’accesso alle risorse e molto altro ancora.

Se vagare senza meta nella zona di esclusione della centrale non fa per voi, c’è la possibilità di trascorrere il tempo nella base del giocatore. Qui possono essere costruiti costruire vari potenziamenti per Igor, i suoi compagni e per la base stessa. Nella base è possibile anche interagire con vari personaggi incontrati nel corso dell’avventura, e man mano che si avanza nel gioco, questi personaggi saranno in grado di insegnare ad Igor varie abilità per sopravvivere più facilmente alla zona di esclusione.

Oltre a insegnare ad Igor alcune abilità, i compagni sono essenziali per la progressione della storia e sbloccano nuove missioni da giocare. Tuttavia, se il giocatore gestirà male il morale dei compagni, facendo troppe scelte in disaccordo con il gruppo di sopravvissuti, potrebbe trovarli a voltargli le spalle e diventare avversari.

La base è anche il punto in cui iniziano le missioni di gioco, ognuna delle quali richiede un giorno (di gioco, non reale) per essere completata. Le missioni richiederanno rifornimenti, razioni di cibo, depositi di armi e, naturalmente, faranno avanzare la trama. I compagni possono essere inviati nella zona di esclusione per cercare nuovi rifornimenti, in modo da non restare mai a secco.

A fine giornata c’è anche la possibilità di distribuire le razioni per migliorare il morale della base. È qui che il gioco può diventare complicato, perché se non si dispone dei livelli di razioni adeguati, qualcuno potrebbe dover prenderne meno o addirittura nessuna, aumentando così le probabilità di un allontanamento dalla base.

Comparto tecnico e grafico

Il comparto tecnico del titolo è discreto. Nonostante sia ben realizzato, abbiamo riscontrato parecchi piccoli bug e glitch, mentre le prestazioni su PS5 si sono rivelate ben ottimizzate nella quasi totalità dell’esperienza di gioco. Da segnalare la presenza del raytracing, che seppur non invadente si è rivelato ben implementato.

Il comparto grafico del gioco è semplicemente mozzafiato. Il team di sviluppo ha condotto varie sessioni di scannerizzazione delle zone intorno alla centrale nucleare, in modo da catturare esattamente le condizioni attuali della natura a più di 30 anni dal disastro. Le texture sono di altissima qualità, e i paesaggi trasmettono un senso di inquietante silenzio, proprio come nella realtà. Anche il design dei vari personaggi e mostri ci è piaciuto parecchio. La versione next gen del titolo, rilasciata il mese scorso su PS5 e Xbox Series X|S, pompa al massimo i dettagli, con risultati più che sorprendenti.

Conclusione e Voto

In conclusione, Chernobylite si è dimostrato un titolo validissimo, con una buona campagna, un ottimo gameplay e un’ambientazione magnifica. Le scelte da compiere cambiano pesantemente il corso dell’avventura, e le meccaniche legate alla base e ai companion ci hanno soddisfatti. Se il comparto tecnico zoppica leggermente, a lasciare senza fiato è lo sbalorditivo comparto grafico, realizzato digitalmente grazie alla fotogrammetria delle zone vicino Chernobyl, e che rende tutto molto misterioso e graficamente molto ispirato. Se amate gli RPG di stampo survival horror, allora Chernobylite non può non far parte della vostra libreria di titoli.

Storia

Gameplay

Comparto tecnico e grafico

VOTO: 8.5 / 10

Versione testata: PS5

SEGUITECI ANCHE SUL NOSTRO PROFILO TWITTER, SU CUI PUBBLICHIAMO LE PIÙ IMPORTANTI NOTIZIE DEL MONDO NERD!


E voi avete già giocato a Chernobylite? Fateci sapere la vostra opinione nei commenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *