WHAT IF…? – ECCO COME IL BUDGET RIDOTTO HA CAMBIATO LA PRIMA STAGIONE! (2022)

La fase 4 ha visto l’MCU espandersi in modi mai visti prima. Non solo i fan avrebbero un bel po’ di film da vedere, ma avrebbero anche oltre una dozzina di nuovi spettacoli in streaming. Ma le nuove serie non sono solo live-action. Gli Studios si sono immersi anche nell’animazione per la prima volta, con What If…? che è stata la loro incursione ufficiale nel mondo dell’ animazione.

⚠️ ATTENZIONE: ALLERTA SPOILER SU “WHAT IF…?” ⚠️

La serie racconta di varie storie di linee temporali alternative in cui gli eventi del MCU si sono svolti in modo diverso (con molti personaggi diversi in una varietà di universi). Non tende a classificarsi molto in alto tra i preferiti dalla maggior parte degli spettatori, è stata senza dubbio una deviazione audace e creativa per i Marvel Studios.

Mentre ci sono molti aspetti che i fan hanno contestato sin dal suo debutto, quello che salta fuori di più riguarda la sua animazione. Molti hanno semplicemente pensato che lo stile scelto non fosse poi così bello, con alcuni che sostenevano che sembrava troppo movimentato e affrettato.

What if
What if…?

PER RESTARE SEMPRE AGGIORNATI SU TUTTE LE NEWS, SEGUITE IL NOSTRO CANALE TELEGRAM!


La serie ha avuto poco budget

Durante il panel “Marvel Studios’ Journey Into Imagination“, al LightBox Expo di Ottobre a Pasadena, in California, tramite Laughing Placeil regista di What If…?, Bryan Andrews ha parlato del suo lavoro nella serie animata dei Marvel Studios, rivelando alcune nuove informazioni allettanti.

Una delle prime cose che Andrews si è lasciato sfuggire è stato il modo in cui nella serie avrebbe dato a ogni episodio il suo stile di animazione distinto. Purtroppo, quella parte della visione dello spettacolo ha dovuto essere scartata a causa di vincoli di budget.

Il linguaggio visivo che ha finito per rimanere fedele al loro budget, ha preso ispirazione dai film del genere Noir” e aveva “set scarsamente illuminati” per rendere il processo più facile per gli animatori:

Bryan si è rivolto a una delle sue fonti di ispirazione artistica: J.C. Leyendecker, un predecessore di Norman Rockwell al Saturday Evening Post. Si scoprì che anche Ryan Meinerding, responsabile dello sviluppo visivo dei Marvel Studios, era un grande fan di Leyendecker e, avendo in mente uno stile da emulare, la serie proseguì nello sviluppo. Per motivi di tempo e di budget, anche il linguaggio visivo della serie ha preso spunto dai film noir, con scenografie poco illuminate per alleggerire il lavoro degli artisti di sfondo e degli scenografi.

Mentre parlava dell’amore suo e di Meinerding per la Marvel Comics e gli spettacoli antologici in generale, il regista ha rivelato alcuni concetti che i fan non hanno ancora visto nello show. Includono situazioni come “Black Panther con l’occhio di Agamotto” e “Loki sarebbe abbastanza degno da brandire Mjolnir?”:

Con l’amore per i fumetti Marvel e per gli show antologici come The Twilight Zone, Bryan si è subito messo al lavoro per creare 30 concept per la serie, compresi alcuni che non sono ancora stati affrontati (Black Panther con l’Occhio di Agamoto, Loki degno di brandire Mjolnir e Steve Rogers come Soldato d’Inverno sono stati alcuni esempi).

What if
What if…?

Secondo Andrews, uno dei suoi punti preferiti di What if…? è stata la collaborazione con il compianto Chadwick Boseman:

Uno dei punti salienti del lavoro su What If…? per Bryan è stato lavorare con le star del MCU. Chadwick Boseman è stato il primo attore del MCU a partecipare alla serie, riprendendo il ruolo di T’Challa in un episodio in cui il giovane principe del Wakanda viene rapito dagli alieni e diventa Star Lord al posto di Peter Quill. Come attore esperto, Chadwick ha portato un livello di professionalità alle sessioni di registrazione che ha lasciato Bryan a bocca aperta, improvvisando persino alcune battute che hanno reso T’Challa più spiritoso di quanto potesse essere con il peso del ruolo di re sulle spalle.

Andrews, ha aggiunto che la star si è divertita così tanto con il personaggio che è persino andato dal regista di Black Panther, Ryan Coogler per cercare di inserire alcuni momenti più divertenti nel sequel:

Chadwick si è divertito così tanto a interpretare questa versione di T’Challa che, secondo quanto riferito, si è incontrato con Ryan Coogler per regalargli altri momenti comici nel previsto sequel di Black Panther, prima che la sua prognosi subisse una rapida svolta. Bryan ha anche parlato del suo stupore nel registrare Cate Blanchett nei panni di Hela per un prossimo episodio della Stagione 2, promettendo che sarà Hela come non l’avete mai vista prima.

Il regista ha anche rivelato che il pubblico vedrà “un’iterazione del 1988 di The Avengers“:

Un teaser per la seconda stagione di What If…? è stato mostrato al Comic-Con di San Diego e, sebbene Bryan non abbia potuto mostrarlo al LightBox Expo, ci ha dato qualche anticipazione su cosa aspettarci. “Non so cosa mi sia permesso di condividere”, ha detto ridendo dopo aver parlato di un’iterazione di “The Avengers” del 1988, dicendo che è emozionante vedere chi farà parte di quella squadra. Oltre a un episodio con Hela, ha anche detto che la prima stagione riprende proprio da dove si era interrotto il finale della prima stagione.

What if
What if…?

SEGUITECI ANCHE SULLA NOSTRA PAGINA INSTAGRAM PER RIMANERE SEMPRE SUL PEZZO!


E se ogni episodio avesse avuto il suo proprio stile?

L’idea che ogni storia doveva avere il proprio stile visivo è fantastica e sarebbe stata perfetta per il concept di What if…?.

La linea temporale alternativa di ogni episodio sarebbe stata accentuata dall’avere stili di animazione completamente diversi. Ad esempio, l’episodio zombie avrebbe potuto essere incentrato sul gore come Invincible, e qualcosa come la storia di Party Thor avrebbe potuto avere uno stile divertente, brillante e stravagante, potenzialmente vicino a Into the Spider-Verse.

Probabilmente avrebbe ricordato molto Love, Death, and Robots di Netfix, che è una serie antologica di vari cortometraggi animati. Ogni puntata ha uno stile e un team creativo completamente diversi.

Questa non è la prima volta che i vincoli di budget hanno adattato la visione dello spettacolo. La prima stagione ha avuto un episodio tagliato interamente e spostato nella seconda stagione. La sua seconda stagione era anche destinata ad avere più puntate di quelle che ha finito per ottenere.

Ad ogni modo, nonostante sappiano cosa avrebbe potuto essere, si spera che i creativi dietro le quinte possano ancora offrire altri mondi alternativi divertenti. Incrociamo le dita sul fatto che questa volta apportino anche alcuni miglioramenti.

What If…? La prima stagione è ora in streaming su Disney +, mentre la stagione 2 dovrebbe debuttare all’inizio del 2023.

What if
What if…?

SEGUITECI ANCHE SUL NOSTRO PROFILO TIKTOK, IN CUI PUBBLICHIAMO EDIT E VIDEO NEWS, A TEMA MARVEL!


Voi cosa ne pensate? Vi è piaciuta la prima stagione dello show?

Fonte: The Direct

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.