DOCTOR STRANGE 2 – MICHAEL WALDRON PARLA DELLA CREAZIONE E DELL’EVOLUZIONE DEL FILM (2022)

In una recente intervista con TheWrap, lo sceneggiatore del secondo capitolo dedicato a Doctor Strange, Michael Waldron, ha rivelato molti dettagli riguardanti la creazione e l’evoluzione del film, dal punto di vista della composizione della storia, insieme a Sam Raimi.

Non c’erano barriere, ha detto Waldron. “Era un “vai vai vai” Sam. Se non altro, era Sam a essere cauto nei confronti dei suoi stessi limiti, perché Sam non voleva arrivare e fare cose horror solo per il gusto di farlo. Voleva assicurarsi che fosse tutto al servizio della storia, che quello che sta succedendo con gli Illuminati è lì per rendere Wanda un cattivo più spaventoso, mentre ci precipitiamo nel terzo atto del film. Non è lì per scioccarti. Voglio dire, è scioccante, ma serve a uno scopo più grande per i nostri antagonisti e protagonisti.”

Quei demoni nel terzo atto? Idea di Raimi, ha rivelato Waldron.

Waldron

Lo sceneggiatore di “Doctor Strange 2”, Michael Waldron, sa una o due cose sul multiverso

È apparso per la prima volta sulla scena come sceneggiatore dell’amata serie animata “Rick e Morty” ed era in attesa di diventare il nuovo showrunner dello show, fino a quando i Marvel Studios non l’hanno chiamato, chiedendo se voleva dirigere uno show televisivo live-action sul villain di Tom Hiddleston, Loki.

È stato mentre lavorava alla serie Disney+ “Loki” che a Waldron è stata offerta l’opportunità di provare alcune cose diverse in un unico progetto: il primo film horror della Marvel, un film di Sam Raimi e un sequel di “Doctor Strange”. È stato ‘arruolato’ dal presidente dei Marvel Studios, Kevin Feige, per occuparsi della sceneggiatura di “Doctor Strange in the Multiverse of Madness”, dopo l’allontanamento del regista originale Scott Derrickson, e, a quanto pare, c’erano solo pochi pilastri strutturali su cui Waldron ha costruito la trama.

“Quello che era davvero stato deciso era che si trattava di un film nel multiverso con Doctor Strange, in cui ci sarebbe stata Wanda, e poi introdurremo America Chavez“, ha detto Waldron a TheWrap durante una recente intervista. Quando la pandemia ha colpito, improvvisamente Waldron e il regista Sam Raimi hanno avuto ancora più tempo per “ricominciare da zero” e capire cosa volevano che fosse questo film.

Volevano che fosse un film horror e Waldron dice di aver ricevuto un piccolo rifiuto dai superiori della Disney per le sequenze più terrificanti del film, che hanno permesso al regista di “La Casa” Sam Raimi di fare ‘le sue cose’.

Waldron

Ecco qui l’intervista di The Wrap con Michael Waldron!

Quando hai firmato, quali pilastri della storia erano stabiliti in quel momento? E poi come hai costruito la storia attorno a quello, andando avanti?

Voglio dire, in realtà quello che era davvero stato deciso era che si trattava di un film nel multiverso con Doctor Strange, in cui ci sarebbe stata Wanda, e poi introdurremo America Chavez. E oltre a questo, dopo che il COVID ha chiuso tutto e io e Sam abbiamo avuto l’opportunità di capovolgere le cose e ricominciare da zero, abbiamo dovuto capire cosa volevamo che fosse.

Michael Waldron

Quindi Wanda era il cattivo fin dall’inizio? O quest’idea è nata da quelle conversazioni?

C’è sempre stata l’idea di lei come parte dell’ensemble e questa discussione su “Lei diventerà malvagia alla fine?”. Voglio dire, è sempre stato possibile pensarlo, perché è com’è il personaggio nei fumetti, guardando “House of M” e tutta quella roba, c’è Wanda che sta arrivando alla follia. Eravamo entusiasti dell’idea di renderla l’antagonista principale del film, perché sembrava che non ci fosse un antagonista più forte. E sembrava che averla come membro di un ensemble solo per diventare cattiva alla fine, avrebbe effettivamente ridotto entrambe le versioni di quel viaggio.

Forse avremmo avuto una versione pessima della sua caduta in disgrazia, e forse anche una versione pessima del suo essere un’antagonista, al contrario della versione davvero divertente del suo essere la cattiva. E sai che c’è la sensazione che la porta sia stata aperta per noi. Ha aperto Darkhold alla fine di “WandaVision” e questo è il Libro dei Dannati. Quindi sembrava quasi fatto apposta.

Michael Waldron

Sono curioso di sapere come “WandaVision” abbia poi preso quelle decisioni, perché è stato questo tipo di esplorazione del trauma e del dolore e ovviamente finisce con lei in un luogo di empatia. E poi devi posizionarla in questo film, in cui è un’antagonista abbastanza forte perché gli altri temano che possa fare un grande danno.

La mia sensazione era che “WandaVision” l’avesse spinta nel punto in cui aveva fatto i conti con questo dolore, ma forse quello con cui non aveva tenuto conto era la sua rabbia per tutto questo, ed era qualcosa di cui ho discusso con Lizzie. E penso che questo sia ciò su cui si è impossessato il Darkhold, era quella rabbia, e questo offusca davvero il processo decisionale di Wanda.

Penso anche che stia facendo buoni punti per tutto il film. Stephen ha dato a Thanos la Pietra del Tempo. Doveva? Potrebbe esserci stato un altro modo? Questa domanda è posta spesso durante il film. Se non avesse dato a Thanos la Pietra del Tempo… nel senso, Wanda ha ucciso Visione. La Pietra della Mente era andata. È solo per dire che penso che stia facendo buoni punti ed è sembrato un conflitto davvero delizioso da esplorare.

Michael Waldron

Questo è stato costruito fin dall’inizio come il primo film horror della Marvel e sono curioso di sapere quali barriere fossero state poste dal punto di vista della Marvel, perché in alcuni punti è terrificantemente così.

Sì, lo è. Non c’erano barriere. Era un “vai vai vai” Sam. Se non altro, era Sam a essere cauto nei confronti dei suoi stessi limiti, perché Sam non voleva arrivare e fare cose horror solo per il gusto di farlo. Voleva assicurarsi che fosse tutto al servizio della storia, che quello che sta succedendo con gli Illuminati è lì per rendere Wanda un cattivo più spaventoso, mentre ci precipitiamo nel terzo atto del film. Non è lì per scioccarti. Voglio dire, è scioccante, ma serve a uno scopo più grande per i nostri antagonisti e protagonisti. Quindi sì, tutta quella roba era divertente e totalmente guidata da Sam.

Michael Waldron

Quindi qual è la reazione quando dici: “Okay, ora avremo un gruppo di demoni che urlano contro Doctor Strange per aver rianimato un cadavere, e ci saranno chitarre elettriche che suonano?”

Bene, questa è la cosa più bella del mondo. Voglio dire, le anime dei dannati, quello era Sam e quello era lui che sceglieva di suonare quali hit, ed ero elettrizzato. Abbiamo lavorato insieme su qual è l’impalcatura logica per cui le anime dei dannati urlano contro Strange e lo attaccano? E sì, ti pizzichi solo perché stai parlando di demoni con Sam Raimi, ed è un sogno che diventa realtà.

Michael Waldron

Qual è stato il processo decisionale per scegliere quali membri si sarebbero presentati negli Illuminati?

La formazione che abbiamo è la formazione dei sogni, la formazione che non avresti mai pensato di poter ottenere. Ho provato, prima di tutto, a sceglierli in modo creativo, quasi spinto come se fossi il Doctor Strange di quell’universo che assembla gli Illuminati, chi sceglierei? Guardo gli stessi fumetti degli Illuminati. Era solo: nei tuoi sogni più sfrenati chi potevi ottenere? Ed è proprio quello con cui siamo finiti.

Michael Waldron

La cosa di John Krasinski è iniziata come un casting per i fan ed è stata qualcosa che i fan desideravano da tempo vedere, ma anche in questo ritratto sei un po’ “fuori di testa” per tenerlo solo per una tantum invece di farlo essere il Reed definitivo Richards.

Questi ragazzi mi hanno detto che non posso entrare in troppi dettagli sui membri degli Illuminati. Ma penso che sia parte del divertimento, sembra che un sogno si avveri che poi diventa un incubo. Ed è una bella sensazione da provare in un cinema.

Michael Waldron
Waldron

So che questo film ha dovuto scambiare le date di uscita con “Spider-Man: No Way Home”. In che modo ciò ha modificato la storia di “Multiverse of Madness?”

Non è stato un cambiamento sismico. Per noi, significava solo che Strange aveva una maggiore consapevolezza del multiverso e che era stato in una precedente avventura con gli adolescenti. Sapeva come relazionarsi con l’America un po’ meglio di quanto avrebbe fatto se il nostro film fosse arrivato prima. Loro hanno potuto fare le battute “Scooby-Doo questa merda” e io no, ma andava bene così.

Michael Waldron

So che Sam ha detto che, come nel caso di molti di questi film, voi ragazzi stavate scrivendo durante la produzione e cercando di capire quale sarebbe stato il finale. Sono curioso della sfida di arrivare a una conclusione soddisfacente in questa storia, perché non è così semplice come “l’eroe sconfigge il cattivo”, perché il cattivo è qualcuno che il pubblico ama e a cui tiene.

Non c’è sempre un finale completamente soddisfacente per l’intero pubblico, specialmente quando hai un cattivo che tutti amano e a cui tengono. Il finale in molti modi sarà probabilmente triste ed è una tragedia. Ma spero che ciò che è stato soddisfacente sia la sensazione che alla fine di questa cosa, vedi Wanda liberarsi dalla presa di Scarlet su di lei, dal Darkhold. Ma sono anche grato che lei ammetta – e questo è importante per tutti noi, in particolare Lizzie – di aver ammesso di aver aperto Darkhold. Si assume la responsabilità di ciò che ha fatto. E poi fa un sacrificio per assicurarsi che non accada a un’altra Wanda in altre parti del multiverso.

Michael Waldron

Beh, una delle sequenze più emozionanti del film è questa lotta con le note musicali. Sono curioso di sapere da dove viene.

È fantastico. È un tale merito, prima di tutto, per Doug Leffler, uno dei nostri artisti dello storyboard che è uno dei collaboratori di lunga data di Sam. Doug è un grande regista televisivo, ha diretto molti episodi di “Xena” con Sam in passato, e Doug ha portato il bacio capovolto originale nel primo “Spider-Man” credo. È una leggenda a pieno titolo, e quindi abbiamo lavorato a stretto contatto con lui su molte cose.

Sapevamo solo che volevamo che il combattimento con il Sinistro Strange alternativo fosse fantastico. Questi sono due Doctor Strange che si combattono, sembrava che dovesse essere iconico. E Doug ha lavorato a stretto contatto con Janek Sirrs, il nostro supervisore agli effetti visivi, e poi Danny Elfman. Danny ha avuto un ruolo importante in questo con la musica stessa e come avrebbe funzionato. Questa è una delle mie parti preferite del film, è fantastico.

Michael Waldron

So che stavi scrivendo questo mentre Loki era in produzione. Quando stavate sviluppando tutta questa roba del multiverso, stavate anche intrecciando nella trama di “Loki” l’idea che la TVA dovrebbe essere smantellata dal momento che il dottor Strange ha inventato alcune cose pazze che alterano la sequenza temporale in questo film?

Fortunatamente, ero il ragazzo che ha fatto “Loki”, che mi ha aiutato. Ero tipo, ok, almeno posso assicurarmi di non rovinare “Loki”. (ride)

Michael Waldron

Stai aiutando te stesso.

(Ride) Sì, questo è il dono che posso fare a me stesso: rendere queste cose congrue. Resta da vedere: come sono andati gli eventi di questo film dall’occhio della TVA? Come sarebbero su un monitor crono? Non lo so. Dovremo scoprirlo.

Michael Waldron

A quel punto, cosa puoi anticipare sulla seconda stagione di “Loki”?

Beh, è solo questo di cui siamo entusiasti. Come la prima stagione, è il genere di cose che sembrava valesse la pena fare solo se avessimo avuto un nuovo terreno da coprire e si scopre che sì, lo abbiamo. Quel personaggio è il dono che continua ad arrivare, e siamo stati fortunati a costruire un mondo così fantastico nella prima stagione con Kate Herron e ora Benson e Moorhead che entrano [per dirigere] ed Eric Martin è lo sceneggiatore. Sarà fantastico. Sono emozionato.

Michael Waldron

Domanda finale. Sento che il grande ladro di scene di questo film è il ragazzo del Minotauro. Cosa puoi dirmi di lui?

Rintrah. È un essere extra-dimensionale del pianeta R’Vaal e ha una grande storia nei fumetti. E sì, penso che abbiamo solo scalfito la superficie con Rintrah.

Michael Waldron
Waldron

Cosa ne pensate di questo film? Qui potete trovare la nostra recensione!

Doctor Strange 2 logo - Waldron

Nel nuovo Doctor Strange in the Multiverse of Madness, l’MCU sblocca ufficialmente il Multiverso e spinge oltre i propri confini e oltre. Il viaggio all’interno dell’ignoto insieme a Doctor Strange che, con l’aiuto dei suoi alleati mistici nuovi e conosciuti, attraverserà le sbalorditive e allo stesso tempo pericolose realtà del Multiverso per confrontarsi con un nuovo misterioso avversario.

Fonte ufficiale: The Wrap

/ 5
Grazie per aver votato!